Bellora non si ricandida, “vittime di una maggioranza inconcludente”

La Lega legge l'addio del sindaco come prodotto delle tensioni in maggioranza, ma critica anche la alleanza di "larghe intese" che sta prendendo il posto dell'attuale centrosinistra

bandiere lega foto

«La mancata candidatura di Bellora certifica quello che abbiamo detto in questi anni: siamo stati vittime di una maggioranza inconcludente che non ha prodotto nulla, se non nell’ultimo anno, sperando di nascondere i quattro anni precedenti». È dura l’analisi della Lega di Cardano al Campo sull’addio del sindaco uscente, che non si ricandiderà alle elezioni amministrative 2019.

«Siamo umanamente dispiaciuti per il sindaco, anche perchè in questi cinque anni ne ha subite di ogni, dai veti incrociati alle mancate promesse della campagna elettorale in cui lui per primo ci aveva messo la faccia» premette Angelo Marana. «Purtroppo gli interessi di pochi hanno, ancora una volta, prevalso sulle ideologie, cosa per noi molto grave».

Marana entra subito nel vivo, nella critica all’opzione politica di “larghe intese” che si delinea a Cardano, con l’accordo tra Pd, centristi e Forza Italia. «Creare un carrozzone civico di gente che la pensa su molti temi cari a Cardano in maniera diametralmente diversa, porterà ancora di più a rendere il paese ingovernabile».

Perché? «Non si può infatti credere che argomenti come la scuola paritaria Porraneo, la riqualificazione dei dossi, le visioni del piano di governo del territorio siano risolte facilmente. Ci troveremo contro esponenti di destra uniti ad esponenti di estrema sinistra, il tutto per un unico scopo: preservare il potere e soffocare il paese nella mediocrità. Ciò non è accettabile: Cardano merita sicuramente di più e solo noi a questo punto, possiamo dare un’identità precisa al paese».

Ovviamente la Lega si propone invece agli elettori come alternativa credibile: la Lega ha già identificato il suo candidato in Colombo, corre insieme a Fratelli d’Italia e assicura di poter garantire «un netto cambio di passo che solo un gruppo coeso può portare avanti». Il candidato leghista dovrebbe essere presentato tra una decina di giorni, mentre la candidatura di Sergio Biganzoli per il gruppo “delle larghe intese” sarà venerdì.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 20 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore