Truffava anche dai domiciliari, 31enne finisce in carcere

Nelle due ore di permesso giornaliere riusciva comunque a mettere in atto la classica truffa dello specchietto. Revocata la misura alternativa al carcere

Continuava imperterrito a fare truffe dello specchietto anche durante le due ore di permesso mentre era ai domiciliari. Per questo è stato nuovamente tratto in arresto, per truffa aggravata continuata, un 31enne italiano, pregiudicato, nullafacente.

L’arresto è stato eseguito dai Carabinieri della Stazione di Garbagnate Milanese, in esecuzione ad un provvedimento del Tribunale di Milano che dispone la sospensione della misura della detenzione domiciliare a cui era sottoposto per reati contro il patrimonio.

Il provvedimento scaturisce da un’indagine che ha permesso di accertare che l’arrestato, nelle due ore di permesso giornaliere, a bordo della propria auto, simulava sinistri stradali inesistenti lamentando la rottura dello specchietto laterale e pretendendo denaro quale corrispettivo del danno.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore