Cassani revoca le deleghe a Petrone. Il Pgt? “Tutto sospeso”

Il sindaco di Gallarate studia le carte e per ora si limita a revocare l'incarico all'assessore finito in carcere. Attaccano le opposizioni: "Ora il sindaco deve dimettersi"

gallarate generico

Uno stringato no comment, ma due certezze: la revoca dell’assessore all’urbanistica e lo stop (almeno per ora) alla Variante al Pgt.

È la linea del sindaco di Gallarate Andrea Cassani, a poche ore dall’applicazione dell’ordinanza che ha visto finire in carcere l’assessore Alessandro Petrone, il “mullah” Nino Caianiello e due imprenditori gallaratesi. «Al momento non commento» dice Cassani, che sta leggendo attentamente l’ordinanza. Che peraltro in un passaggio cita gli “ostacoli frapposti” dal sindaco a una operazione del gruppo di Caianiello, ma all’opposto ricostruisce anche l’operazione del Pgt su via Mazzini, inserita nella Variante votata dalla maggioranza (esclusi i “ferraziani”, usciti dall’aula).

E l’assessore Petrone? «Ho protocollato nel primo pomeriggio la revoca delle deleghe a Petrone» conferma Cassani. E invece la Variante al Pgt, al centro di almeno due diversi episodi finiti nell’ordinanza, che fine farà? «Per ora è tutto sospeso, è tutto in discussione» dice il primo cittadino di Gallarate. Per poi lasciarsi sfuggire una valutazione più netta: «A questo punto penso si fermerà tutto».

Nel frattempo, dal fronte delle opposizioni – che solo sabato avevano sollevato rilievi al Pgt – arriva invece una richiesta più drastica, le dimissioni dello stesso Cassani. Sulla base di una dichiarazione del sindaco: «Se l’indagine avesse riguardato gli uffici o qualche provvedimento amministrativo del Comune di Gallarate, probabilmente questa sera avreste assistito alle dimissioni del sindaco Cassani». L’indagine era quella a carico di Danilo Rivolta e dell’allora assessore all’urbanistica Orietta Liccati. Era il maggio del 2017, quattro mesi dopo fu nominato assessore Petrone.

di
Pubblicato il 07 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore