Animali selvatici feriti: «Presto un servizio 24 ore su 24»

L'annuncio del consigliere regionale Emanuele Monti che spiega l'importanza di questo servizio: “Il grado di civiltà di un Paese si misura anche da come vengono trattati gli animali"

Valtellina bramito cervo

Il livello di civiltà di una comunità si misura anche dal rispetto che quest’ultima ha nei confronti degli animali. E soccorrere i cuccioli che abitano nei nostri boschi, quando sono vittima di un incidente o rimangono feriti per altri motivi, è dovere di una pubblica amministrazione”.

Così Emanuele Monti, Presidente della III Commissione Sanità e Politiche sociali di Regione Lombardia e Consigliere regionale della Lega.

Monti, che sta portando avanti da tempo una serie di battaglie a favore dei nostri amici a quattro zampe, è al lavoro con la Commissione da lui guidata per individuare una strada percorribile per ottenere questo obiettivo.

“Domani avremo un incontro qui in Regione – spiega il Consigliere regionale della Lega – con tutti gli Enti e i soggetti che hanno competenza e possono occuparsi di questo problema: la Direzione generale della Regione, la Provincia di Varese e l’Ats Insubria. Un incontro per poter studiare e rendere operativa questa proposta”.

“Ho avuto una serie di confronti con il Direttore generale dell’Ats Insubria Lucas Gutierrez e con una rappresentanza dei veterinari della provincia di Varese – prosegue il Presidente di Commissione – l’idea, che ha avuto un riscontro positivo da parte dei diretti interessati, consiste nel creare un sistema di soccorso e assistenza, attivo 24 ore su 24, per soccorrere gli animali feriti sul nostro territorio”.

“Una mancanza, quella del soccorso degli animali, che è emersa soprattutto dopo la riforme delle Province voluta dal centrosinistra al governo negli anni passati, che aveva svuotato questi Enti di competenze” aggiunge Monti.

“A livello provinciale si registrano in media 250 casi all’anno di animali da soccorrere – conclude Monti – sono numeri elevati, che necessitano finalmente di una risposta che siamo pronti a dare”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore