Botte, insulti e minacce a moglie e figli: arrestato

In manette è finito un 43enne che da tempo vessava la donna e i tre figli minorenni

violenze

Insulti, minacce e ripetute aggressioni fisiche e verbali ai danni della moglie e dei tre figli minorenni.

Un uomo di 43 anni, cittadino albanese, residente a Vergiate, di professione operaio, gravato da diversi pregiudizi penali legati ai reati di furto in abitazione e ricettazione, è stato arrestato nel primo pomeriggio di lunedì 22 luglio dai carabinieri della stazione di Vergiate.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio, hanno permesso di ricostruire tutti i soprusi e le vessazioni che la famiglia dell’arrestato ha dovuto subire nel corso degli ultimi anni. Ne è emerso un quadro allarmante: la moglie e i tre figli minorenni sono stati infatti costantemente tenuti in uno stato di soggezione morale e psicologica, costretti a subire pesanti insulti, minacce e ripetute aggressioni fisiche e verbali, tanto da farli temere per la propria incolumità. I Carabinieri, allertati dai servizi sociali del Comune e dalle insegnanti della scuola frequentata dai bambini, si sono immediatamente attivati per raccogliere tutti gli elementi di prova che hanno poi portato all’arresto dell’uomo, ora carcerato presso la casa circondariale di Busto Arsizio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore