Stefano Binda resta in carcere

igettato il ricorso dei legali del 51enne condannato all’ergastolo. Mercoledì l’udienza in appello

Testimonianza Stefano Binda processo Lidia Macchi

La prima sezione penale della corte di Cassazione ha respinto questa mattina il ricorso presentato dai legali di Stefano Binda contro l’ordinanza del tribunale del riesame di Milano che ha confermato le esigenze cautelari per il 51enne condannato in primo grado all’ergastolo per l’omicidio di Lidia Macchi

C’è attesa per la prossima udienza di fronte alla corte d’Assise d’Appello di Milano che dovrà decidere in secondo grado se è Binda l’assassino della studentessa varesina trovata uccisa nei boschi di Cittiglio 32 anni fa.

Per leggere tutti gli articoli sul processo clicca qui.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore