Lavabili o usa e getta biodegradabili? A ogni bimbo il suo pannolino

I consigli dell'esperta della Pannolinoteca da 0 a 100 sulle alternative ai pannolini tradizionali più ecologiche, economiche e meno irritanti per la pelle dei bambini

Generico 2018

Chi l’ha detto che ogni neonato deve fisiologicamente inquinare per i primi due o tre anni della sua vita, consumando tonnellate di pannolini usa e getta destinati all’inceneritore? Le alternative esistono, più ecologiche e in generale economiche dai pannolini lavabili a quelli biodegradabili che, pur mantenendo la praticità dei tradizionali usa e getta consentono di ridurre drasticamente l’impatto ambientale del neonato senza gravare sul portafogli.

A spiegarlo è Debora Palumbo, titolare della “Pannolinoteca da 0 a 100 e Fascioteca” di Saronno, negozio specializzato in pannolini per tutte le età, dove trovare soluzioni alternative agli usa e getta tradizionali adatti a tutte le tasche e tutte le esigenze grazie anche alla consulenza personalizzata per ciascuno.
Perché tra il pannolino tradizionale e quelli lavabili (tanti, tutti diversi, ciascuno con le sue caratteristiche), c’è un mondo di soluzioni intermedie da vagliare e valutare.

Generico 2018

I LAVABILI E IL KIT DI PROVA
«Di solito alle mamme che arrivano in pannolinoteca con l’idea di trovare un’alternativa all’usa e getta tradizionale propongo il noleggio di un kit di pannolini lavabili – spiega Debora – per sperimentarne varie tipologie e trovare quello più adatto alle proprie esigenze». Il pannolino lavabile rappresenta sicuramente la soluzione più ecologica e più economica.
A livello statistico, un bambino nei primi tre anni di vita consuma circa 5800 pannolini “usa e getta” del peso di circa 300 grammi corrispondenti a 1,74 tonnellate di rifiuti non riciclabili da conferire in discarica oppure bruciare nell’inceneritore. Per non parlare dell’inquinamento del processo produttivo. I lavabili permettono a ogni famiglia di risparmiare fino a 1.400 euro oltre a ridurre il rischio di allergie e irritazioni cutanee nei bambini.

USA E GETTA BIODEGRADABILI
«I lavabili però richiedono anche dei tempi di gestione più lunghi degli usa e getta – ammette l’esperta – tempi che nelle famiglie in cui lavorano entrambi i genitori spesso non ci sono». Si può quindi ricorrere a un’altra alternativa, quella dei pannolini biodegradabili fino al 85% «che hanno un costo simile a quello dei pannolini tradizionali del supermercato, ma garantiscono il contatto con la pelle solo pi materiali naturali e perciò meno irritanti per il bambino e minore inquinamento sia nella produzione del pannolino che nel suo smaltimento».
«Diverse le marche in commercio, sia italiane che straniere: Si tratta di pannolini di qualità elevata, realizzate con materie prime certificate, tutti anallergici e sbiancati all’ossigeno e non al cloro per evitare ogni tipo di tossicità».

PANNOLINI COMPOSTABILI?
«Recentemente erano stati pubblicizzati anche dei pannolini compostabili ma la questione è finita in tribunale perché ad oggi le parti assorbenti sono tutte di materiale chimico che necessita di smaltimento nell’indifferenziato, come per i biodegradabili, che sono tali in percentuali elevate, ma non completamente e si smaltiscono quindi nell’indifferenziato».

di
Pubblicato il 06 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore