Omicidio Mendola: il pm chiede la condanna dell’imprenditore edile

La sentenza è attesa per il 22 novembre. Il trentenne di Busto era stato ucciso nei boschi di Pombia il 4 aprile del 2017. Condannati in primo grado gli esecutori dell'omicidio

matteo mendola

È attesa per il 22 novembre la sentenza del Tribunale di Novara per la morte di Matteo Mendola. I giudici devono stabilire se a ordinare l’omicidio del giovane bustocco sia stato Giuseppe Cauchi, 53 anni imprenditore edile. 

Il pubblico ministero ha chiesto la condanna all’ergastolo per Cauchi,  accusato di essere il mandante dell’uccisione del trentenne di Busto Arsizio la sera del 4 aprile 2017 nei boschi di Pombia. A premere il grilletto fu Antonio Lembo con la complicità di Angelo  Mancino ( che scrisse una lettera a Varesenews) condannati in primo grado a 30 anni di reclusione.

Secondo il pubblico ministero ci sarebbero diversi e concordanti elementi per attribuire la paternità del gesto all’imprenditore che aveva dei debiti di lavoro nei confronti della famiglia della vittima. Secondo i legali difensori, invece, il castello accusatorio poggerebbe su dichiarazioni contraddittorie rilasciate e poi non confermate dal vero killer.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 01 Novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.