Aldo Taddeo, l’uomo delle crisi che non ne ha risolta una

Oltre alle tre imprese coinvolte nell'inchiesta che lo ha portato in carcere, a Taddeo vanno ascritte anche la crisi del Varese Calcio e il fallimento del Modena

aldo taddeo

Alla Caccia Engineering c’erano due dipendenti che non si presentavano mai al lavoro. Erano due ultras del Varese Calcio che Aldo Taddeo, ai tempi della sua partecipazione societaria nella storica società calcistica posi fallita, forse voleva tenersi buoni per non trovarsi la tifoseria contro mentre si correva veloci verso una fine ingloriosa.

Ora il posto di lavoro lo hanno perso anche loro, insieme ad una ventina di lavoratori che avevano creduto nella buona capacità comunicativa dell’imprenditore, sempre pronto a svicolare dalle situazioni difficili ma con un solo obiettivo, portare più soldi possibile in Slovacchia dove la società capogruppo inghiottiva tutto. Un pozzo senza fondo di 8 milioni di euro in 4 anni.

Riusciva a farlo grazie ad un gioco di scatole cinesi grazie al quale prendeva aziende sane e le svuotava. Il primo giochetto l’avrebbe fatto con la Ital di Busto Arsizio, azienda in salute che aveva la sua sede sul Sempione; prima l’ha acquisita poi l’ha chiusa spostando le maestranze alla Caccia Engineering.

Alla Caccia di Samarate si è scontrato coi sindacati (in particolare la Fim) quando sono iniziate le insolvenze nei confronti dei lavoratori che non venivano pagati: «Quando abbiamo minacciato le istanze di fallimento – racconta Luca Paglialonga della Fim – ha aperto un concordato preventivo e ha rilevato la castellanzese Aes e poi un’azienda di Pavia. Prendeva commesse e lavori ma i soldi nelle aziende non arrivavano mai».

Il suo nome era salito alla ribalta delle cronache con il Varese Calcio, Taddeo era entrato come vicepresidente nella stagione 2016-2017 prendendo la squadra in serie D e nel giro di pochi mesi salta il banco con la dirigenza della squadra che definisce millatantori e latitati lo stesso Taddeo e il socio Basile. Tra aumenti di capitale mai versati, stipendi non pagati, creditori infuriati la brutta storia del Varese si chiuderà poco più di un anno dopo col fallimento.

Anche a Modena Taddeo ha lasciato qualche brutto ricordo. A fine settembre del 2017 prese in mano la società calcistica della città e a novembre l’ha dichiarata fallita.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Questi sono le persone “pericolose” per la salute e coesione sociale. Questi sono il cancro di una società sana che finisce per distruggere tutto quello che tocca. Squali abituati ad ingoiare qualsiasi cosa e sopravvivere sulle spalle degli altri che inesorabilmente falliscono di fronte a tale spregiudicatezza ed ingordigia.
    Nella società che vede come “pericolosi” e come “una minaccia” 100 disperati che scendono da un barcone persone come queste la faranno sempre franca fino a che, all’ennesimo insuccesso e fallimento, qualcuno non incomincia ad indagare ed interviene la magistratura.

Segnala Errore