A Milano il meglio della fotografia naturalistica

La Fondazione Matalon presenta le immagini spettacolari di “Wildlife Photographer of the Year”

Arte - Mostre

A due passi dal Duomo di Milano e dalla stazione Cadorna, la Fondazione Matalon presenta fino al 22 dicembre 2019 la mostra “Wildlife Photographer of the Year” con l’esposizione delle immagini premiate in uno dei concorsi fotografici naturalistici più prestigiosi del mondo, giunto alla 54° edizione promosso dal Museo di Storia Naturale di Londra. Una mostra per tutti, grandi e piccini.

La selezione delle opere, basata su creatività, valore artistico e tecnica, è stata fatta partendo da 45mila scatti provenienti da 95 paesi. Le fotografie sono suddivise in 17 categorie, in alcune delle quali sono stati premiati fotografi italiani, come ad esempio Emanuele Biggi in “Animali nel loro ambiente”, Walter Bernardeschi in “Ritratti di animali”, Stefano Baglioni in “Piante e funghi” e Georg Kantioler in “Ambienti della terra”.

Veramente spettacolare, prescindendo da qualunque considerazione tecnica, è l’immagine del risveglio del gattopardo, scattata dal sudafricano Skye Meaker (16 anni) in Botswana, nella riserva di Mashatu Game. Essa ha ricevuto il premio della Sezione Giovani nel 2018.

Probabilmente superiore in termini di rarità dello scatto è invece “The golden couple”, dell’olandese Marsel von Oosten, vincitore assoluto del concorso con la fotografia di due scimmie dal naso dorato in una foresta montana cinese.

Unico limite dell’esposizione, ma la critica va letta costruttivamente, è forse l’eccessivo intento divulgativo, con l’attenzione più orientata ai testi didascalici ed ai dettagli tecnici, piuttosto che alla selezione ed all’assortimento dei formati di stampa. D’altra parte il percorso è particolarmente idoneo alla fruizione da parte di visite guidate, previste il venerdì pomeriggio con il fotografo naturalista Marco Colombo, oppure alla promozione di esperienze di “realtà virtuale immersiva” in ambenti naturalistici.

Con lo stesso costo del biglietto della mostra, che corrisponde ad una tessera associativa, è possibile fruire ancora di due incontri di approfondimento presso la Casa della Cultura di via Borgogna 3, sempre a Milano, il sabato alle ore 21.

Il 14 dicembre è lì previsto l’incontro con Lorenzo Shoubridge sul tema “Apuane terre selvagge”, mentre il 21 dicembre Stefano Unterthiner presenterà “On assignment – una vita selvaggia”.

 

Wildlife Photographer of the Year
Fondazione Luciana Matalon
Foro Buonaparte 67 – Milano
Radicediunopercento.it
Biglietto intero: 12 euro.

di
Pubblicato il 13 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore