La Pro Patria torna a sudare. Tra una settimana sarà ancora campionato

Dopo la pausa natalizia i tigrotti hanno ripreso gli allenamenti a Busto Arsizio in vista della prima di campionato contro l’Albinoleffe, che si giocherà alle 15.00 e non alle 20.45

Pro Patria - Pistoiese

Complice lo sciopero della Lega Pro che ha fermato il campionato rinviando la giornata in programma per il 22 dicembre, la Pro Patria non scende in campo dallo scorso 15 dicembre, dalla vittoria di Gorgonzola contro la Giana Erminio.

Sarà un gennaio impegnativo per i tigrotti, che inizierà sabato 11 (ore 15.00 dopo lo spostamento ottenuto rispetto alle 20.45 iniziali) allo “Speroni” contro l’Albinoleffe. I ragazzi di mister Ivan Javorcic affronteranno poi la trasferta di Crema contro la Pergolettese (domenica 19 gennaio), poi il recupero contro il Monza (mercoledì 22) e infine la sfida interna contro la Juve U23 (domenica 26).

La squadra è tornata ad allenarsi allo “Speroni” mercoledì 1 gennaio in vista della prima di campionato del 2020 contro l’Albinoleffe. Da valutare la forma di Tommaso Brignoli, Ivo Molnar e Giorgio Spizzichino, che arrivano da lunghi infortuni. Erano invece rientrati già a fine 2019 Niccolò Cottarelli e Filippo Ghioldi, mentre rimane da monitorare la condizione di Alessio Marcone.

Intanto si è aperto il calciomercato per i professionisti. Come anticipato dal direttore sportivo Sandro Turotti la Pro Patria resta alla finestra ma la volontà è quella di mantenere invariata la rosa.

di
Pubblicato il 02 Gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore