A Fagnano torna il “Festival Teatro-Educazione”

Sabato 22 febbraio un convegno esplorerà le potenzialità dell’utilizzo del teatro nella formazione. Crediti per gli insegnanti riconosciuti dal Miur

Generico 2018

Superare le barriere e le difficoltà relazionali grazie al teatro: è questo il valore aggiunto offerto da “Fes.T.E. – Festival Teatro-Educazione” ( www.crteducazione.it ).

Anche quest’anno Fagnano Olona diventerà la sede si un importante convegno, rivolto a chi si occupa di educazione e formazione, ma aperto alla comunità, con l’obiettivo d’indurre una riflessione sulle potenzialità delle arti espressive. “Studiamo arti figurative e teatro in collaborazione con l’università Cattolica, in quanto il nostro direttore artistico, Gaetano Oliva, insegna in quell’ateneo – ci spiega Marco Miglionico – È l’università che entra nel territorio, un modo di approfondire e dare rilevanza all’attività di quegli educatori e quegli insegnanti che nella loro attività di formazione utilizzano il teatro e le arti”.

Il convegno si terrà sbato, 22 febbraio, dalle 9 alle 17 presso la scuola primaria “Orrù” di Fagnano e l’ingresso sarà libero. Proprio la volontà di includere più persone possibili è uno dei leit motiv della macchina organizzativa: “Il convegno è gratuito proprio per la volontà di offrirsi al territorio, alla comunità – chiarisce Miglionico – Nella fase di pre-iscrizione abbiamo raccolto già oltre centinaia di adesioni: una grande soddisfazione. Il rapporto con chi partecipa, però, non si ferma qui, perchè restiamo in contatto durante l’anno e ci confrontiamo su risultati e criticità”.

«L’Educazione alla Teatralità parte dall’idea che le Arti in generale e le Arti sceniche in particolare siano forti “spazi” educativi e formativi, oltremodo radicati nella storia e nelle tradizioni, che consentono di rimettere l’uomo al centro della sua esistenza. Affinché tale processo sia efficace il Festival lavora sul coinvolgimento di tutta la cittadinanza al fine di sensibilizzare tutta la comunità, non solo i professionisti del settore, a una riflessione più profonda sulla propria realtà e su come poter attuare una più consapevole cittadinanza attiva» è spiegato nella brochure informativa. Uno sguardo proiettato in avanti, dunque, al fine di offrire un ricco potenziale di crescita alla società. Il convegno sarà solo il primo step: nei prossimi mesi, a luglio per l’esattezza, si terranno corsi di formazione e seminari sull’Educazione alla Teatralità: un’occasione ulteriore per mettersi in gioco e ottenere anche crediti dal MIUR; i corsi sono infatti riconosciuti, fanno acquisire crediti e consentono ad un insegnante di approfondire questo innovativo approccio. Dopo alcuni anni di convegni e corsi, il bilancio è positivo e i risultati ci sono, come svela con soddisfazione Miglionico: «Nel laboratorio di arti espressive non c’è un modello, ma ognuno porta se stesso e questo è sicuramente un valore aggiunto. Un’insegnante del liceo Vinci di Gallarate anni fa partecipò ai corsi: credette così tanto in questo approccio, da promuovere nel suo istituto l’istituzione di ‘Educazione alla teatralità’ come materia di insegnamento».

Miglionico spende parole anche sulla Valle Olona e in particolare sul comune di Fagnano Olona, che accoglie il progetto: «Ad ogni edizione è un piacere tornare qua, la collaborazione con l’Amministrazione comunale che ci ospita è sempre positivo».

Per maggiori informazioni è possibile contattare gli organizzatori all’indirizzo email info@crteducazione.it

di
Pubblicato il 22 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore