Gli 80 anni di don Alberto, “una risorsa straordinaria per la città”

Figura importantissima nel panorama culturale di Gallarate. Gli hanno reso omaggio Cristina Boracchi e Moni Ovadia nella prima serata di Filosofarti

don alberto dell'orto

Se ogni anno riusciamo a organizzare con successo Filosofarti, è soprattutto merito suo”. Sono le parole di gratitudine di Cristina Boracchi, dirigente del liceo Crespi di Busto Arsizio e organizzatrice della fortunata rassegna Filosofarti, verso don Alberto dell’Orto. Il parroco oggi compie 80 anni.

Nato a Giussano, è diventato negli anni un’istituzione di Gallarate, dove risiede dal 1964. Fondamentale il suo contributo al centro della Gioventù e al teatro delle Arti, attivo in città da più di 50 anni.

La ricorrenza cade in un momento speciale: proprio ieri, venerdì 22 febbraio, è iniziata l’edizione 2020 di Filosofarti, il festival di filosofia che ogni anno porta in città i più importanti filosofi, sociologi, storici e scrittori del nostro tempo. Il primo ospite, per la rassegna Teofilosofarti, è stato un gradito ritorno: Moni Ovadia, che ha portato al teatro delle Arti un monologo incentrato sull’enciclica di Papa Francesco Laudato si. L’attore e musicista di origini ebraiche – che nel pomeriggio ha incontrato la comunità sinti per dimostrare il suo appoggio – ha reso omaggio a don Alberto, a cui lo lega una lunga amicizia. “Sono contento di rivederlo, gli voglio bene. Ho un ottimo rapporto con i preti: ho più amici preti che rabbini”, ha scherzato Ovadia.

Cristina Boracchi ha ricordato l’impegno assiduo di don Alberto negli anni: “È doveroso omaggiarlo e ringraziarlo per tutto il lavoro che ha fatto. Se c’è Filosofarti, e ogni anno continua a crescere, è merito suo”.

caccianiga.marco@yahoo.it
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 22 Febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.