Case di riposo per anziani e disabili: c’è bisogno di aiuto

L'Ordine professionale degli Infermieri promuove un sondaggio per capirne urgenze e necessità e fa appello alla solidarietà: aiutate a difendere chi è più debole

anziani

Un sondaggio per capire le necessità e le urgenze delle case di riposo per anziani e le residenze che assistono i disabili. È quanto ha avviato l’Ordine professionale degli infermieri.

« Dai colleghi ho avuto molte notizie di difficoltà – spiega il Presidente dell’OPI Aurelio Filippini – chi non ha i dispositivi, chi ha pazienti con sintomi. La situazione è diversificata e non si ha una fotografia precisa di cosa stia succedendo in queste comunità».

Nonostante sia una domanda ricorrente, da Regione Lombardia e da Ats Insubria non escono dati oggettivi sui contagi .

Le uniche notizie che si hanno sono quelle che emergono per voce delle stesse RSA/RSD o dei sindaci.

Aurelio Filippini ha deciso, quindi, di fare un’indagine a tappeto in tutte le strutture residenziali per avere il polso esatto della situazione e ha inviato una lettera a tutte e 60 strutture:

Spettabile Presidente/Direttore

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Varese, in accordo con i rappresentanti territoriali della politica Emanuele Monti e Samuele Astuti, vi contatta per avere delle informazioni e creare delle risposte rispetto alla situazione di pandemia covid-19 che stiamo tutti vivendo. La preoccupazione è ovviamente rivolta anche a voi, ai vostri ospiti e al personale. Siamo quindi a chiedervi di compilare il questionario sottostante al fine di avere informazioni puntuali e organizzare risposte altrettanto puntuali. Ricordando a voi, ai vostri ospiti e ai vostri operatori la nostra vicinanza, vi ringraziamo per l’immenso lavoro che sappiamo già state facendo e ci risentiremo presto per attuare iniziative concrete.

– avete ospiti con sintomatologia tipica? Si/no quanti

– avete personale con sintomatologia tipica? Si/no quanti?

– avete dpi? Si/no quanti ve ne servono?

– avete altre necessità? Si/no quali?

I risultati saranno la base di una campagna di solidarietà per raccogliere beni e materiali necessari ad affrontare l’emergenza Covid: « Con i  rappresentanti politici regionali Emanuele Monti e Samuele Astuti abbiamo pensato di sollecitare la solidarietà che esprime questo territorio anche verso le situazioni di fragilità – commenta Aurelio Filippini – ci sono già associazioni che si sono dette pronte a sostenere le raccolte fondi per tutelare le residenze di anziani e disabili».

Tra le prime richieste che le case di riposo fanno sono i tamponi: chiedono percorsi di individuazione di casi a rischio. La Fondazione Molina ha sottoscritto una convenzione con l’asse Sette Laghi che accoglierà e processerà i tamponi che arrivano dalla casa di viale Borri. Con indicazioni precise, anche altre realtà potranno superare l’ostacolo maggiore: avere una chiara fotografia all’interno della propria comunità servirà a tutelare ospiti e operatori.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore