Coronavirus, Ilemini: “Il pericolo del contagio non è finito, siate responsabili”

Il sindaco Ercole Ielmini fa il punto della situazione sul numero dei contagi alla Rsa Fondazione Menotti Bassani e sulla situazione in paese chiedendo responsabilità

Generico 2018

Il sindaco Ercole Ielmini fa il punto della situazione sul numero dei contagi alla Rsa Fondazione Menotti Bassani e sulla situazione in paese. Inoltre, chiede ai cittadini di tenere un atteggiamento responsabile sottolineando che il pericolo di contagio non è sparito. Ecco il suo discorso ai cittadini:

I dati confermano che il contagio all’interno della Fondazione Menotti – Bassani si è sostanzialmente fermato. L’ATS ci ha comunicato che gli ospiti contagiati sono 70 e per quanto riguarda il personale sanitario e assistenziale sono 15. Dei contagiati extra Fondazione si evidenzia la guarigione definitiva di alcuni e la negatività del primo tampone di altri. Ciò fa ben sperare sulla guarigione totale dei contagiati extra Fondazione. All’interno di quest’ultima si segnala una evidente diminuzione dei decessi.

Queste buone notizie non devono però farci credere che il pericolo del contagio è passato. È ormai un ricordo. Proprio NO! L’apertura dei negozi, dei bar, dei ristoranti, delle piste ciclopedonali, come la possibilità di spostarsi più agevolmente sono tutti decisioni ben venute, ma dobbiamo ancora mantenere comportamenti improntati al rispetto delle norme vigenti.

Non si può girare negli spazi pubblici (strade, piazze, lungolago … spiagge) senza mascherina. Aldilà dei 400,00 euro di multa previsti dal decreto regionale, è il nostro senso di responsabilità che deve guidarci. E ovviamente non solo in questo periodo di contagio. Criticare chi amministra o governa, dal Sindaco al Presidente della Repubblica, è anche accettabile perché a nostra Repubblica è ancora democratica ed è consentito esprimere il proprio parere. Le critiche però dovrebbero essere espresse solo se bene a conoscenza delle disposizioni vigenti che sono supportate da esperti in campo sanitario ed epidemiologico. La scienza è scienza, non è né filosofia né discorsi da bar. Continuiamo dunque a mantenere comportamenti responsabili che ci aiuteranno ad accorciare i tempi verso un allargamento generalizzato ad una quotidianità meno restrittiva. Ricordiamo così che: nei cimiteri bisogna ancora rispettare le norme segnalate agli ingressi.

Al mercato bisogna accedere e uscire solo dalle postazioni di via Diaz/viale Porro e da viale Garibaldi/passaggio al livello FNM , bisogna evitare, come è successo martedì scorso, si staccare le strisce bianco-rosse posizionate nelle altre vie del centro cittadino. Le strisce bianco-rosse indicano il divieto di accesso. È possibile andare in spiaggia, ma bisogna mantenere la distanza di almeno un metro (anche con ombrellone o altro). Anche i parchi gioco attrezzati sono stati riaperti. Le indicazioni citate sono in vigore fino al 3 giugno. Poi, si vedrà. Non mettiamo il Presidente della Regione o il Consiglio dei Ministri nella condizione di disporre restrizioni. Dobbiamo comportarci da cittadini “responsabili”. Non costa molto”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore