Diventare un mini stuntman: 4 corsi sportivi in uno

Si chiama Stunt Kids il nuovo percorso per giovanissimi proposto a settembre nelle palestre di Buguggiate e Varese dallo stuntman Simone Belli

simone belli

Una novità attende i giovanissimi a settembre: si tratta del corso Stunt Kids promosso da Simone Belli, stuntman varesino Referente nazionale italiano per FISAC per il combattimento scenico e fondatore della SB Education con cui insegna Stunt & Film fighting (cioè come combattere per film e spettacoli teatrali o live) a Milano.
“Credo sia necessario pensare ai bambini e ai ragazzi ora, perché soprattutto alla loro età stare chiusi in casa per quasi tre mesi di fila deve essere stato difficilissimo – spiega – Vorrei mettere a disposizione la mia esperienza per proporre loro qualcosa di nuovo”. Cosa? Un corso di Stunt kids, anzi due, in partenza a settembre nella palestra di via IV Novembre a Buguggiate (già messa a disposizione dell’’iniziativa nei pomeriggi di lunedì dalle ore 14 alle ore 16) e poi a Varese, in una location ancora da definire, sempre il lunedì, ma in serata, alle ore 18.

Simone Belli allena già una ventina di ragazzini a Milano, avviandoli alla professione di stunt. Tra questi anche il giovanissimo varesino Luca Volpe (11 anni) che da ultimo ha fatto da “stunt double” al protagonista del film “Mio fratello rincorre i dinosauri” con Alessandro Gassman e Isabella Ragonese, vincitore da ultimo della sezione Young Audience Award dello European Film Awards (EFA) 2020.

Risolto il problema di dover scegliere tra le diverse attività pomeridiane: “Per imparare a fare lo stunt si mettono insieme quattro diverse discipline in una, tra teatro, parkur, combattimento scenico, cioè un combattimento in cui non ci si fa male, e ginnastica artistica. In più ci si avvicina al mondo del cinema, sempre affascinante”, spiega Belli grazie alla sua esperienza di insegnante e di stuntman. Una professione che pratica con passione e che ha incontrato per caso.
Infatti tutto è iniziato per evitare l’esame di canto all’accademia teatrale Nico Pepe di Udine: “Piuttosto che cantare ho pensato di ricorrere alle arti marziali che avevo praticato fin da piccolo – racconta –  ho messo in scena per l’esame un combattimento scenico. E mi è piaciuto. Al punto che ne ho fatto la mia specializzazione, tanto che ho frequentato cinque accademie in un anno prima di farne la mia professione”.

di
Pubblicato il 19 maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore