Quantcast

La forza invisibile: il museo che racconta l’elettricità

Dalle origini con Alessandro Volta fino all'elettronica, un viaggio di due secoli raccontato tra tante curiosità e alcuni "pezzi" spettacolari

Museo della Tecnica Elettrica Pavia

Una pila originale costruita da Alessandro Volta, i primi telegrafi, enormi generatori elettrici e persino un vero tram di Milano: il Museo della Tecnica Elettrica è un curioso museo creato dall’Università di Pavia per valorizzare la sua collezione storico-scientifica.

Galleria fotografica

Museo della Tecnica Elettrica Pavia 4 di 16

Proprio all’ateneo di Pavia insegnava Alessandro Volta, l’inventore della pila elettrica: alcune pile originali d’inizio Ottocento aprono la sezione introduttiva, quella sui primordi dell’elettricità, destinata ancora per decenni a rappresentare un fenomeno quasi magico e difficile da “leggere” per gli uomini del Diciannovesimo secolo (si scopre ad esempio che allora si pensava che l’elettricità avesse un odore, “fosforo d’orina” o un poco simile all’aglio).

Museo della Tecnica Elettrica Pavia

Il percorso del museo accompagna nelle diverse applicazioni dell’elettricità, a partire dalle telecomunicazioni, con l’impiego prima nei telegrafi, poi nel telefono e nella radiotrasmissione: fasi raccontate da centinaia di pezzi e reperti. Oltre che dalla collezione dell’Università il museo è costituito anche dalle ricche collezioni storiche dell’Enel e della Sirti, Società Italiana Reti Telefoniche Interurbane.

Nella sezione dedicata ai mezzi di trasporto spicca un intero tram di Milano, esposto insieme all’apparato di guida (il “controller”) e a un carrello con i motori ben visibili. Curioso anche un apparato elettromeccanico che mostra il complesso sistema che, fin da inizio Novecento, garantisce la massima sicurezza nei trasporti ferroviari: un apparato da centinaia di chili per gestire una stazione secondaria – quella di Certosa di Pavia – composta da tre binari.

Museo della Tecnica Elettrica Pavia

Due diversi ambienti, ben allestiti, raccontano l’impiego dell’elettricità nelle tecnologie medicali (con una macchina a raggi X vecchia di un secolo) e nella vita di tutti i giorni. Mentre particolarmente spettacolari sono alcuni impianti di grandi dimensioni: una gigantesca pala eolica con relativo alternatore-generatore o ancora una turbina della società milanese Riva, che ha costruito anche la centrale elettrica sul fiume Niagara.

Museo della Tecnica Elettrica Pavia

Elettronica e robotica, utilizzo nei laboratori di fisica sono le tappe più recenti e aggiornate di un viaggio nell’ingegno umano.

Le didascalie del museo sono divulgative e piacevoli per ogni pubblico e il museo – con i suoi ambienti colorati e (ovviamente) ben illuminati – è adatto anche ai bambini. Gli appassionati di settori specifici, come la radio o i trasporti, troveranno curiosità di ogni genere.

In periodo di Covid-19 i grandi spazi e il numero limitato di visitatori rendono questo museo molto adatto alle visite in sicurezza.

Museo della Tecnica Elettrica
Pavia – Via Adolfo Ferrata, 6 – tel. 0382 984106 – 05 – 04
Info sui biglietti qui
Info su giorni e orari di apertura qui o sulla pagina facebook 

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 04 Giugno 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Museo della Tecnica Elettrica Pavia 4 di 16

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore