Quantcast

Il fascino della Rocca di Angera vista dall’alto

La Rocca di Angera raccontata per immagini aeree: il nuovo progetto di Varese4U - Archeo vi porta in volo sui beni archeologici della nostra provincia

La Rocca di Angera, fortezza fra le meglio conservate di tutta la Lombardia, si erge imponente su uno sperone roccioso che domina l’omonima cittadina lacustre e la sponda meridionale del lago Maggiore.

La sua struttura difensiva risale ai tempi dei romani e dei longobardi ma il suo attuale stile architettonico è il risultato di cinque diversi corpi di fabbrica, eretti tra l’XI e il XVII secolo: la Torre Castellana, l’Ala Scaligera, l’Ala Viscontea, la Torre di Giovanni Visconti e l’Ala dei Borromeo.

Di proprietà della casata dei Visconti, la Rocca passa in seguito nelle mani di Vitaliano Borromeo che la acquista nel 1449 insieme all’intero borgo, per la cifra di 12.800 lire imperiali.

Attentamente restaurata per volere della Principessa Bona Borromeo che ha voluto restituirle l’antico splendore e regalare ai visitatori le sue raffinate collezioni, oggi ospita il Museo della Bambola e del Giocattolo, uno tra i più grandi in Europa, se non il più grande.

Un luogo fuori dal tempo dove si può ancora respirare la magia di una favola ambientata in un castello medievale: le torri, le mura merlate, il giardino medievale creato nel 2008 dopo uno studio meticoloso condotto su codici miniati e documenti dell’epoca.

Una perla tutta da scoprire che Varese4U Archeo, per regalarvi un’esperienza diversa, vi mostrerà da una prospettiva inedita: dall’alto.

In volo sui beni archeologici della provincia di Varese è infatti il nome del percorso di storytelling nato nell’ambito del progetto Varese4U Archeo. L’obiettivo è quello di raccontare il territorio, in particolare gli otto siti coinvolti nel progetto Varese4U Archeo, attraverso suggestive riprese aeree.

Chi volesse conoscere (o ripassare) la storia che si nasconde dietro la città di Angera e scoprire cosa visitare oltre alla Rocca, può farlo guardando il documentario qui sotto. Per informazioni su come raggiungere Angera clicca qui.

Un percorso, quello per conoscere i lati più antichi della nostra provincia, che vi accompagnerà per tutta l’estate e attraverso il quale vi abbiamo già mostrato l’Isolino Virginia, il Monte San Giorgio e l’area archeologica di Castelseprio e il vicino Monastero di Torba.

Nel frattempo, chi fosse curioso di scoprire le peculiarità di tutti questi luoghi potrà farlo cliccando sui link qui sotto:

Sito Unesco Monte San Giorgio
Sito Unesco Isolino Virginia
Area archeologica di Angera
Area del Monsorino con la civiltà di Golasecca
Sito Unesco Castelseprio-Torba
Monastero di Cairate
Necropoli Longobarda di Arsago Seprio
Sito Unesco Sacro Monte di Varese e Monte San Francesco

I CANALI SOCIAL DI VARESE4U ARCHEO

Facebook
Instagram
Youtube
Twitter

di
Pubblicato il 07 agosto 2020
Leggi i commenti

Video

Il fascino della Rocca di Angera vista dall’alto 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore