Quantcast

Tante novità per Unicef Varese

Manuela Bovolenta, nuova presidentessa ad interim di Unicef Varese ha un invito per tutti coloro che vogliono dare il proprio contributo per difendere i diritti delle bambine e dei bambini di tutto il mondo

Inaugurazione unicef varese

Tante novità in casa Unicef Varese, che in questo anno complicato dall’emergenza Covid non si fa mancare  un nuovo presidente e una nuova sede.

A partire dalla primavera 2020 Manuela Bovolenta – attuale presidentessa di Unicef Lombardia – è stata nominata presidentessa ad interim di Unicef Varese.

Tra le prime novità che ha gestito nel suo nuovo mandato c’è stato il cambio di sede che ha portato Unicef Varese a spostarsi nello spazio di via Maspero 20, presso la sede del CVV Coordinamento Volontariato Varese che ne ha concesso l’utilizzo.

In questa nuova “casa”, Unicef Varese prosegue le proprie attività, declinando in ambito locale le iniziative di Unicef Italia, promuovendo progetti sul territorio, collaborando con altri soggetti e realtà varesine, raccogliendo fondi attraverso la vendita di oggetti Unicef come le Pigotte, bomboniere e molto altro.

Ulteriore segno di questo nuovo inizio, che giunge proprio in piena ripresa post covid, c’è anche il lancio di una campagna per cercare nuovi volontari per il Comitato varesino. La chiamata è per tutti coloro che sono desiderosi di dare il proprio contributo nel difendere i diritti e migliorare le condizioni di vita delle bambine e dei bambini di tutto il mondo. Per essere volontario di Unicef Varese è sufficiente avere compiuto 14 anni ed essere desiderosi di dare il proprio contributo alle attività del gruppo.

«Non c’è un limite d’età per essere volontario Unicef, basta avere almeno 14 anni e voglia di fare – dice Manuela Bovolenta – Passioni come sport, musica, lettura, scacchi, cucito, pittura e quant’altro sono alla base di tanti nostri progetti; a questo si aggiunge la formazione specifica che diamo a chiunque voglia diventare volontario e le competenze di ciascuno. Ampi momenti di ritrovo e confronto a livello nazionale sono riservati agli under 30».

Tra le attività nazionali seguite dal comitato provinciale Unicef di Varese c’è la vendita di orchidee per raccogliere fondi a sostegno delle attività di Unicef Italia. L’appuntamento è per sabato 26 e domenica  27 settembre e basta collegarsi alla pagina orchidea.unicef.it per trovare la piazza più vicina dove acquistare un’orchidea.

Unicef Varese è presente sul territorio da circa 40 anni; progetti educativi dedicati all’infanzia e adolescenza a livello locale, una rete di Baby Pit Stop a sostegno dell’allattamento al seno, corsi universitari, laboratori di Pigotte e bomboniere solidali sono solo una parte delle attività portate avanti in questi anni.

Per inviare la propria candidatura come volontario di Unicef Varese, per avanzare proposte, iniziative di sostegno, richieste di informazioni, è possibile scrivere a: comitato.varese@unicef.it

www.unicef.it – Comitato Provinciale di Varese per l’Unicef – Fondazione onlus è in via Maspero 20, a Varese

Chi volesse testimoniare la propria solidarietà attraverso l’Unicef può farlo anche con un versamento su BANCA INTESA IT 41 G 03069 09606 100000123710 intestato a Comitato italiano per l’Unicef Onlus/Comitato Provinciale Varese

L’Unicef

Il Comitato Italiano è parte integrante della struttura globale dell’Unicef – Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia, l’organo sussidiario dell’Onu che ha il mandato di tutelare e promuovere i diritti di bambine, bambini e adolescenti in tutto il mondo, nonché di contribuire al miglioramento delle loro condizioni di vita.

Nato nel 1974, è uno dei 33 Comitati nazionali presenti nei Paesi donatori, che operano sulla base di un Accordo di Cooperazione con l’Unicef Internazionale e secondo una pianificazione congiunta e continuativa delle proprie attività, il Joint Strategic Plan (Jsp), che si rinnova con cadenza triennale.

La duplice finalità di ogni Comitato nazionale è di raccogliere fondi per sostenere i programmi che l’Unicef realizza nei Paesi in via di sviluppo e quella di informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore