Il crematorio di Busto Arsizio è pieno. Stop ai non residenti: “Numeri raddoppiati”

L'aumento della mortalità causata dal covid 19 ha intasato il forno crematorio di Busto Arsizio: "Abbiamo 30 salme in deposito e non possiamo accoglierne altre"

forno crematorio busto arsizio saie

Il forno crematorio di Busto Arsizio, gestito dalla Saie, è arrivato al limite massimo di posti disponibili e ha sospeso il servizio di cremazione per le salme di cittadini non residenti a Busto Arsizio. Il vertiginoso incremento della mortalità, causata dalla pandemia da covid 19, ora è visibile anche nel deposito della società bustocca che ha 30 posti, tutti occupati: «Non possiamo più accogliere salme provenienti da altri comuni. Al momento non c’è un posto libero».

«In periodi normali, in media eseguiamo dalle 5 alle 7 cremazioni al giorno contando anche le salme di cittadini non residenti a Busto Arsizio ma adesso abbiamo un ritmo di 10 salme al giorno e tutte di cittadini residenti – fanno sapere dalla sede – abbiamo una sola linea di cremazione e non possiamo andare oltre questo numero».

L’aumento della mortalità media è un dato che emerge dai necrologi sulle pagine dei giornali e dalle testimonianze dei sacerdoti della provincia che parlano di un aumento dei funerali.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 19 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Giorgio Martini Ossola
    Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Complimenti,altro articolo molto interessante…

    1. Scritto da AlfredoColombo

      Interessante, sì. Giusto che tutti sappiano cosa ha causato chi ha voluto negare l’ovvio e chi continua a negare.

  2. Scritto da AlfredoColombo

    E tutto questo era prevedibile, evitabile, ampiamente annunciato. E una volta di più, non si è fatto niente finché non era già troppo tardi, per accontentare chi non voleva capire.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.