Neve, il commento di Varese 2.0: “È sempre colpa di qualcun altro”

Il gruppo politico che fa parte della maggioranza in consiglio comunale dice la sua sulle polemiche nate dopo la nevicata

Le strade di Varese - neve del primo febbraio

Riceviamo e pubblichiamo il commento di Varese 2.0 rispetto alle polemiche sorte dopo la nevicata di venerdì 4 dicembre.

“…In Italia è sempre colpa di qualcun altro: è colpa di qualcun altro quando vai del dentista, che ti dice che quello che ti ha visitato prima ha fatto un disastro. E vale per tutto: il meccanico, l’idraulico, il muratore…” (Mattia Torre)
Assistiamo al rimpallo di accuse tra Maggioranza (di cui Il Movimento Civico Varese 2.0 fa ancora parte, è giusto rimarcarlo) e parti della Minoranza, in particolare Forza Italia con il Consigliere Longhini.
Da sempre, ad ogni nevicata, in ogni comune di questo benedetto bel paese, partono gli attacchi speculativi di una parte verso l’altra per i disservizi arrecati alla cittadinanza.
A Varese abbiamo assistito a questo “gioco delle parti” ad ogni legislatura, qualsiasi fosse la maggioranza che guidasse la città. Ma questo è l’ultimo inverno prima delle elezioni 2021 ed è speciale, davvero speciale.
Ecco quindi Longhini partire, lancia in resta, contro il Sindaco e la sua Giunta; pronta allora la parata e risposta del capogruppo Conte che cerca il sostegno dei suoi alleati, chiedendo la condivisione di un documento, a cui la nostra Capogruppo avrebbe dovuto aderire.
Ma se si vuole marcare una differenza sostanziale con il passato, se si vuole essere diversi da un’opposizione prevedibile e banale, allora bisogna sapersi fare carico di una responsabilità, fosse pure di un errore di valutazione.
E poco cambia se si è stati “meno deficitari” di altri. Sarebbe bastato dire “è stata una nevicata copiosissima in brevissimo tempo, ha superato le nostre aspettative ed ha messo in evidente difficoltà tutte le risorse messe in campo”.
Longhini, con Forza Italia, è alla ricerca di una spasmodica visibilità, alza la polemica, la socializza e cerca di andare all’incasso.
Invece di ignorare, si è scelto di contrattaccare, buttando benzina sul fuoco, sostenendo che è la Provincia quella che si sarebbe dovuta scusare e che Longhini, anche Consigliere provinciale, bene avrebbe fatto a lanciare le sue accuse di inefficienza ad essa e non al Comune. Per non parlare dell’inspiegabile speculazione sui Vigili del Fuoco.
Chi ha ragione, chi ha torto? Cosa comprenderanno i cittadini in tutto questo contendere?
Poche settimane fa, avevamo invitato tutti ad unirci per condividere e costruire insieme utili strategie per il post covid. Nessuna risposta, né dai compagni di maggioranza né dai colleghi di minoranza.
Ora ci vien chiesto di schierarci, a favore o contro, sui “nefasti esiti” di una nevicata.
Noi non ci stiamo. Noi chiediamo scusa, in silenzio, per le sottovalutazioni che sono evidenti a tutti, in Città come in Provincia e sulle quali, tutti insieme, sarebbe utile una riflessione approfondita.
Forse, cari Conte e Longhini, fareste bene, una volta tanto, ad unirvi a noi.
Cordialmente
Movimento civico Varese 2.0

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 07 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.