Hot spot comunale per tamponi a Luino, critiche dalla minoranza

Alessandro Casali, capogruppo della lista #Luinesi: “ Trasformare strutture comunali in un poliambulatorio a pagamento, non autorizzato, non ha alcun senso“

Ats Insubria test sierologici e tamponi

«Questa amministrazione comunale non finisce di sorprendermi in negativo. Solamente pochi giorni fa il vice sindaco mi ricordava in maniera abbastanza stizzita che la nuova amministrazione si occupa solo di questioni di propria competenza, dimenticandosi che il ruolo delle opposizioni è proprio quello di segnalare e verificare, oggi invece leggo che si mettono a organizzare punti tamponi che sono competenza di ATS. Che dire, riuscire nell’impresa di autosmentirsi dopo solo poche ore non è da tutti.». Lo afferma in una nota Alessandro Casali, capogruppo in Consiglio comunale della lista #Luinesi (immagine di repertorio).

«Ho appreso dalla stampa la notizia dell’istituzione di un hot spot per effettuare test rapidi ,comunque per i cittadini a pagamento, nei locali comunali in via della vittoria. Vorrei sapere in maniera ufficiale dal Sindaco Bianchi se l’operazione sia stata autorizzata dagli organi competenti. Sono certo che da farmacista sarà a conoscenza che grazie all interessamento del presidente commissione sanità di Regione Lombardia Emanuele Monti , dal 24.12 le farmacie sono autorizzate ad effettuare test antigenici rapidi . Visto che il comune ha una importante farmacia comunale, sarebbe auspicabile muoversi verso questa direzione ed utilizzare qualsiasi contributo per consentire lì l’effettuazione dei test gratuitamente ai nostri concittadini», aggiunge il consigliere.

«Ricordo anche al sindaco che la provincia di Varese e’ la prima provincia per numero di tamponi molecolari e che Regione Lombardia risulta la prima regione italiana sempre per numero di tamponi. La positività ai tamponi rapidi, i quali hanno solo un valore di screening statistico porterebbe poi comunque il soggetto a dover effettuare un ulteriore tampone molecolare successivo. In questo senso il centro di Cassano che ha ripreso l’importante lavoro fatto a Luino a maggio in zona Visnova, riaprirà a giorni. Il numero di tamponi gratuiti e la velocità di refertazione ne fanno uno dei centri più importanti della provincia. Trasformare strutture comunali in un poliambulatorio a pagamento, non autorizzato, non ha alcun senso», conclude Casali.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 07 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.