Lettera di ringraziamento a un bravo medico

Una lettera per ringraziare un medico per quanto fatto "con grande umanità, competenza e professionalità"

medico

Gentilissimo dott. Sammarelli,

desidero ringraziarla di quanto ha fatto per mio marito, dal momento in cui, uscito dall’ospedale ancora bisognevole d’aiuto, lei lo ha curato con grande umanità, competenza e professionalità.

Mio marito era affetto da varie patologie molto gravi. Purtroppo, in un contesto particolarmente critico dovuto all’emergenza covid, è stato difficile trovare un medico che venisse a visitarlo nelle sua abitazione; ma lei ha immediatamente colto la gravità della situazione e non ha esitato a prendersene cura intervenendo persino in orari notturni, persino mentre nevicava, facendo un lavoro magnifico, sostenendolo con sensibilità e partecipazione fino ai suoi difficili, ultimi attimi di vita.

Sono stati giorni pieni di sofferenza ed è davvero poco dire “grazie” ad un bravo medico come lei, al quale vorrei esprimere tutta la mia inestimabile riconoscenza, anche da parte dei miei figli e nipoti.

Maria Ebe Argenti

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 25 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.