La Lombardia detta il ritmo della campagna vaccinale nazionale

Nei centri lombardi, dopo il picco di fine aprile, il numero di vaccinazioni si è stabilizzato attorno alle 84.000. Sono oltre 1.141.118 i residenti che hanno concluso il ciclo

guido bertolaso malpensafiere nato solbiate olona

Quasi 84.000 dosi lunedì 10 maggio e quasi 69.000 domenica 9. È questo l’andamento della campagna vaccinale degli ultimi due giorni. Un ritmo rallentato, rispetto alle 123.000 dosi raggiunte a fine aprile,  sceso per adeguarsi alle consegne di dosi decise a livello di struttura commissariale.

Ieri sono state vaccinate 63.269 lombardi mentre hanno completato il ciclo 20.656 persone.
Nella nostra regione sono  1.141.118 seconda dose  che hanno completato il ciclo e rappresentano il 20% degli italiani che hanno ottenuto anche il richiamo. Segue il Lazio con il 10% del totale e 43.324 vaccinati con le due dosi. Nel nostro paese, sono in totale 419.465 gli italiani che hanno ottenuto la copertura totale.

In provincia di Varese su 762.184 residenti da sottoporre a vaccino, hanno completato il ciclo 96.329 varesini  ( il 12,6%) mentre  260.604 hanno ottenuto la prima dose ( il 34,2%)

La nostra regione, quindi, mantiene il ritmo previsto dal Commissario Figliuolo che prevedeva, al 10 maggio il completamento del percorso vaccinale per 84.975 cittadini: mancano all’appello quindi 1050 persone, per una variazione dell’1%, il risultato migliore a livello nazionale. In Campania la variazione tra obiettivo raggiunto e previsione è -27%, in Lazio – 14%, in Sicilia – 33% in Friuli – 35%.

Dopo i due picchi raggiunti il 29 e il 30 aprile scorso ,quando si effettuarono 114.953 e 116.482 vaccini, la campagna lombarda è proseguita con numeri inferiori; il primo maggio si sono fatte 95.253 iniezioni, scese poi a 83.440 il 2 e il 3 maggio, per risalire nei giorni successivi con il nuovo picco di 90.678 venerdì 7 maggio e il calo sino a 68.978 domenica 9 maggio ( una quota variabile tra il 23 e il 17% dell’andamento nazionale).

La campagna lombarda ha riguardato, fino al 10 maggio, 4.239.573 persone di cui 1.141.118 hanno ricevuto anche il richiamo. Per la gran parte si tratta di ultraottantenni , ormai quasi raggiunti con la doppia dose. Nella fascia 70 e i 79 anni, la quasi totalità ha ottenuto una dose, si tratta in gran parte del vaccino Vaxzevria con richiamo a 72 giorni, mentre la convocazione che riguarda gli over 60 è ancora in corso e ha raggiunto 790.744 sessantenni.

Tra i cinquantenni, per i quali si è appena aperta la possibilità di prenotare, ne sono stati vaccinati 473.209 tra cui si ritrovano fragili o vulnerabili, car giver o famigliari conviventi di persone fragili o disabili, personale docente o delle forze dell’ordine che hanno avuto priorità. Le stesse priorità si trovano nelle classi più giovani con gruppi di persone vaccinate nonostante non siano ancora aperte le convocazioni: tra i 40-49enni ci sono 331.775 vaccinati, tra i trentenni sono 238.719, tra i ventenni 183.404 e tra i 16 e i 19 anni 11.253.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.