Il Giappone in sala Veratti: inaugurata la mostra di Yoshin Ogata

E' stata inaugurata domenica 11 luglio alle 11.30, alla presenza dello scultore, "Waterfall of Time, sculture di Yoshin Ogata" a cura di Debora Ferrari e Luca Traini

Yoshin Ogata in sala Veratti

E’ stata inaugurata domenica 11 luglio alle 11.30, alla presenza dello scultore, “Waterfall of Time, sculture di Yoshin Ogata” a cura di Debora Ferrari e Luca Traini, col mecenatismo di Banca Generali Private, in collaborazione coi Musei Civici di Varese e con il patrocinio del Comune di Varese.

Galleria fotografica

Yoshin Ogata in sala Veratti 4 di 5

In concomitanza con la mostra sul Giappone al Castello di Masnago, Musea TraRari TIPI ha portato a
Varese uno dei più importanti scultori nipponici di fama internazionale.  In Sala Veratti, da luglio ad agosto sono esposte sculture, fotografie dei monumenti realizzati nel mondo e bozzetti di  Yoshin Ogata.

Ogata nasce a Miyakonojo in Giappone nel 1948. Espone le sue prime sculture nel 1969 a
Tokyo e nel 1970 si trasferisce a Londra. Quindi viaggia in Europa, poi negli Stati Uniti e in Messico,
dove svolge le sue ricerche nei musei locali. Vive tra Wakayama e il Golfo dei Poeti a La Spezia ed è
uno dei più rinomati scultori giapponesi. Numerosissime le sue mostre e le opere pubbliche in
tutto il mondo.  Le sue sculture sono da sempre caratterizzate dall’elaborazione dell’elemento ambientale, sia nel segno che nella materia, pietra, legno, metallo, spesso sul tema dell’acqua, della goccia come
impronta e soggetto.

«Può stupire che uno scultore decida di incentrare il proprio lavoro nel marmo, nei graniti e
travertini, nel bronzo, su ciò che per antonomasia una forma non ha se non quella di ciò che la
racchiude: l’acqua – scrive Debora Ferrari – Eppure Yoshin Ogata, dalla seconda metà del secolo
trascorso a oggi, dedica la sua attenzione non al suo incessante scorrere eracliteo, ma all’attimo
dinamico che ce la racconta. E’ un divenire diverso quello che cogliamo nell’istantanea scolpita nei
sedimenti minerali della terra, un fermo-immagine solido, compiuto, universale: la trasmutazione
che avviene nella materia grazie al pensiero del suo autore».

Yoshin Ogata in sala Veratti

L’esposizione in Sala Veratti ospita una ventina di sculture tra il 1970 e i nostri giorni, pannelli
fotografici con le opere monumentali dello scultore nipponico, informazioni sull’artista e un
percorso guidato di visita insieme all’antropologo Armando Montoya, con la direzione artistica e
organizzativa di Musea TraRari TIPI, la piccola casa editrice varesina che ha curato e pubblicato
anche il catalogo per questo evento internazionale.

“Waterfall of Time, sculture di Yoshin Ogata”
SALA VERATTI, VARESE
DALL’11.7 ALL’1.8.2021
dal giovedì alla domenica ore 15-18.30.
Ingresso libero.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Luglio 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Yoshin Ogata in sala Veratti 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.