Il Città di Varese è pronto a ripartire. Ezio Rossi: “Squadra da battaglia per fare i guastafeste del campionato”

Lunedì 2 agosto l'allenatore biancorosso ha incontrato la stampa per una prima chiacchierata prima dell'inizio degli allenamenti: "Siamo convinti di aver fatto una squadra che andrà in campo con il coltello tra i denti"

ezio rossi calcio varese

Primo appuntamento per il Città di Varese in proiezione della stagione 2021-2022 che inizierà la prossima settimana. Da lunedì 9 agosto ad Albizzate i biancorossi svolgeranno il ritiro precampionato fino a settembre alla vigilia dei primi impegni ufficiali (12 settembre la Coppa Italia di Serie D e 19 settembre prima di campionato).

Una chiacchierata di inizio anno per mister Ezio Rossi, che ha presentato il preparatore atletico Paolo Bezzi (assenti il preparatore dei portieri Paolo Bertoletti e il vice Neto Pereira): «Voglio ringraziare i collaboratori dell’anno scorso, fondamentali nel lavoro fatto e a tenere unito il gruppo. Nella vita bisogna fare delle scelte tecniche e con la società abbiamo deciso di cambiare. Abbiamo scelto l’esperienza e persone che hanno sposato il nostro progetto con tanta voglia di fare e che vedono nel Varese un’opportunità calcistica da sfruttare. Anche se eravamo in vacanza è da fine giugno che siamo in contatto e quindi sono mesi che lavoriamo per la stagione che verrà, ci sentiamo quotidianamente, così come stiamo sentendo i giocatori sperando di trovarli in una condizione ottimale».

Le prime parole del nuovo preparatore atletico Paolo Bezzi in biancorosso: «I giocatori li ho sentiti con tanta voglia di iniziare. Mi hanno fatto tutti una buona impressione e spero, anzi sono sicuro, che saranno tutti in forma. Arrivo a Varese per i contatti che avevo con la società, poi ho conosciuto il mister e ci siamo piaciuti. Lo vedo come un onore essere in questa piazza, ho imparato ad apprezzarla e credo che per la Serie D è molto importante e una grande occasione per me professionalmente».

La parola è tornata poi a mister Rossi, che parla della squadra che avrà a disposizione: «Sono contento della rosa, dobbiamo definire ancora qualcosa sugli under ma abbiamo costruito una formazione da battaglia. Al Varese chi ha fatto bene in passato ha saputo buttare il cuore oltre l’ostacolo e da questo presupposto siamo partiti. Non faccio proclami, ma mi aspetto una squadra che si farà fatica a battere. Rispetto all’anno scorso mi aspetto una formazione alla quale sarà difficile fare gol. Sarà l’anno uno per la società e stiamo lavorando per costruire questa casa nella maniera più solida. Costruire è la parola che mi piace di più: che duri nel tempo e per questo abbiamo scelto calciatori dal grande carattere. Abbiamo forse perso qualcosa dal punto di vista tecnico, ma pensiamo di essere migliorati sotto l’aspetto caratteriale. Di sicuro, guardando la rosa, chi andrà in campo è perché si è meritato il posto. Ebagua per scendere in campo dovrà comportarsi diversamente rispetto allo scorso anno; gliel’ho già detto e lo sa.  Siamo convinti di aver fatto una buona squadra per essere i “guastafeste” della prossima annata».

«In attacco giocheranno in due – prosegue Ezio Rossi parlando delle punte arrivate -, poi vedremo come scenderemo in campo. La costruzione della squadra è stata fatta per variare modulo, anche in base ai 2003 che saranno un rebus per tutti perché molti vengono da poche partite giocate nelle giovanili. Abbiamo rinunciato a giocatori che sono andati via a malincuore, però credo che anche di aver scelto attaccanti capaci di buttarla dentro dare una mano alla squadra. Verrà ad allenarsi con noi anche Repossi, che deve essere valutato dopo l’infortunio dell’anno scorso. Riguardo ai portieri, i due più giovani, Priori e Pedretti, sono da scoprire, mentre di Trombini siamo un po’ più sicuri, anche perché il preparatore dei portieri si è espresso in maniera positiva».

Riguardo alle gerarchie del campionato, se il girone dovesse essere lo stesso della passata stagione, il tecnico biancorosso spiega: «In campionato ci sono sempre cinque squadre che se la giocano, più qualche sorpresa dalle neopromosse. Guardando alle squadre di Piemonte e Liguria dico che chi è arrivato ai playoff l’anno scorso più il Legnano e il Sestri Levante saranno le favorite perché partono da basi solide. Noi speriamo di esserci migliorati tanto».

«Personalmente – conclude mister Rossi – chiedo di dare il meglio di me stesso e continuare a migliorare. Ho vinto tanto dicendo che i favoriti sono altri e sarà la mia filosofia per sempre. Alla fine il campo dirà quali sono i valori della nostra squadra. È chiaro che l’ambizione c’è ma credo che se una squadra va in campo serena può rendere di più. L’unica cosa che garantisco è che siamo convinti di aver fatto una squadra che andrà in campo con il coltello tra i denti. Speriamo di avere i tifosi a darci una mano. Per vincere ci vogliono tante varianti».

L’estate del Città di Varese tra mercato, ritiro e amichevoli

Francesco Mazzoleni
francesco.mazzoleni@varesenews.it
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.