Come sta cambiando la zona dietro la ferrovia a Gallarate

Un tempo caratterizzata da corti a ballatoio e tetti di officine, la zona tra il quartiere di Sciarè e l'Oltreferrovia vede molte novità in anni recenti, con nuovi cantieri al via

Edilizia Sciarè

In molte città – specie in Lombardia – le zone a ridosso della ferrovia sono caratterizzate dalla presenza di edifici produttivi, fabbriche e officine sorti per comodità vicino ai binari che molto spesso hanno cambiato più volte funzione: là dove c’era una grande fabbrica meccanica o tessile nel tempo si sono insediati restauratori, piccole officine meccaniche, artigiani di vario tipo.

Man mano che aumentano i numeri del pendolarismo e la forza attrattiva di Milano queste zone però stanno vedendo una più incisiva dinamica di sostituzione edilizia: le fabbriche lasciano il posto a nuovi palazzi che sono appetibili per chi deve prendere il treno (e comunque non sono spesso lontane dal centro città, essendo le stazioni di solito vicine al centro).

Questa dinamica è in corso anche a Gallarate, dove negli ultimi anni si è assistito a nuova edilizia che ha preso il posto di fabbriche o anche di vecchie corti un tempo abitate dalla classe operaia che viveva a fianco degli opifici (ci perdonerete l’uso di parole novecentesche). Altri cantieri stanno partendo e quindi cogliamo un po’ l’occasione per “aggiornare” sul fenomeno.

A Sciarè

In via Cattaneo, a Sciarè, sono comparsi i cartelli di cantiere per un complesso che sorgerà di fronte al civico 41, dove fino a pochi mesi fa sorgeva un magazzino con i tipici tetti in mattoni.

Edilizia Sciarè

Qui è previsto un complesso di appartamenti su quattro piani, allineato sulla strada, che ha la particolarità di un disegno con gli ampi balconi disposti con un angolo diverso dal grosso del fabbricato:

sciarè

Allontanandosi di poco dalla ferrovia, sulla parallela via Colleoni, è previsto un altro intervento sul terreno al civico 22, più assimilabile alla tipologia di palazzo a torre.

La zona “oltreferrovia” lungo via Curioni

Spostandosi da Sciarè, in via Curioni (nella zona “oltreferrovia”, al di là di via Venegoni) da tre anni sono stati abbattuti i resti di una degli ultimi edifici novecenteschi che caratterizzavano la via:

Edilizia Sciarè

Al suo posto è previsto un intervento con palazzo a torre su sei piani:

sciarè

La tipologia è simile al palazzo realizzato all’angolo tra via Curioni e via Mameli (che è stato costruito da quindici anni), mentre si distingue decisamente dal complesso all’inizio della via, realizzato sul finire del primo decennio del 2000.

Il caso della via Curioni è ormai di quasi completa trasformazione edilizia, perché nel giro di un ventennio sono del tutto scomparse le corti d’inizio Novecento, con l’esclusione di quella d’angolo con via Venegoni.

gallarate generico
L’ultimo edificio d’inizio Novecento su via Curioni abbattuto nel 2020. Sullo sfondo a destra il muro dell’ultimo edificio storico rimasto

Ancora oggi sul muro dell’edificio ad angolo tra via Venegoni e via Curioni si riconoscono (perché nessuno ha mai rifatto i muri perimetrali) le tracce della corte che c’era accanto, abbattuta a inizio anni Duemila: come un’ombra di un pezzo di città spazzato via dal rinnovamento.

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Pubblicato il 06 Dicembre 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.