Nuove prospettive per l’acconciatura. Conflavoro e Hair Lobby uniti per cambiare

All'Unahotels si è discusso sul presente e il futuro di un settore in crescita. Ligotti: "Per una corretta politica di welfare, il datore di lavoro deve conoscere i bisogni dei suoi dipendenti"

Lavoro generiche

Il settore dell’acconciatura sta vivendo un momento di forte trasformazione e di rinnovato dinamismo. Un cambiamento sostenuto e promosso da Conflavoro e Hair Lobby, che hanno unito le forze per sostenere questa importante nicchia di mercato.

Il primo incontro organizzato da Conflavoro Varese, intitolato “Uniti per cambiare”, ha evidenziato sia le criticità che le potenzialità di un settore tradizionalmente legato all’eccellenza del Made in Italy.  Si è discusso di temi cruciali quali maternità, welfare, tassazione e uso improprio dei prodotti e abusivismo. All’Unahotels di Varese, davanti anche agli studenti della Dorsi Academy, si è aperto un dialogo costruttivo sul presente e il futuro del settore dell’acconciatura.

Ai lavori è intervenuto anche Davide Galimberti, sindaco di Varese, che ha sottolineato l’importanza di questa industria per il tessuto economico locale, esprimendo pieno sostegno alle richieste avanzate da imprenditori e professionisti.

Nata durante la pandemia e focalizzata sugli aspetti necessari per far crescere la categoria, Hair Lobby con il suo portavoce il presidente Luca Piattelli ha portato sul tavolo delle istituzioni politiche, rappresentate all’incontro da Andrea Pellicini, deputato della Repubblica, tutte le criticità e le necessità indispensabili per il miglioramento delle strutture imprenditoriali di settore, trovando in Conflavoro il partener ideale.

Fondamentale è il rapporto del datore di lavoro con i suoi dipendenti e, a sottolinearlo durante l’incontro, è stato Giuseppe Ligotti, presidente di Conflavoro Varese. «È grazie al welfare  che possiamo istituire delle valide politiche di maternità per i dipendenti che diventano genitori, interamente deducibili dal bilancio aziendale – ha detto Ligotti -. Per poter istituire una corretta politica di welfare, è fondamentale che il datore di lavoro capisca bene quali siano i bisogni dei suoi dipendenti».

Il settore dell’acconciatura è quasi esclusivamente femminile, sebbene il numero di addetti ai lavori maschili sia in costante crescita. Durante il convegno, Isa Maggi, rappresentante degli stati generali delle donne, ha riportato l’attenzione sul tema degli abusi sul luogo di lavoro, con invito a far crescere sempre più sul territorio il numero di panchine rosse come costante monito contro la violenza sulle donne.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 15 Aprile 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.