Percorso Creativo “Dalla Materia al Prodotto” dalla collaborazione tra Lati e la Scuola d’Arte Applicata

Il progetto rappresenta una nuova frontiera nell'educazione tecnica e artistica,  evidenziando l'importanza della materia prima nella progettazione

lati scuola d'arte applicata

Una fruttuosa collaborazione tra LATI3Dlab e gli studenti del corso di formazione di Design di prodotto della  SSS’AA Scuola Specializzata Superiore d’Arte Applicata di Lugano attraverso il progetto “Dalla Materia al  Prodotto”. Un viaggio creativo che sfida le convenzioni, partendo dai materiali per creare soluzioni  innovative nell’ambito del design. Un’opportunità unica che unisce industria e istruzione, ridefinendo i  confini dell’innovazione nel settore tecnico-artistico.

LATI3Dlab, divisione R&D di LATI Industria Termoplastici S.p.A. dedicata ai materiali per stampa 3D,  presenta il progetto “Dalla Materia al Prodotto”, sviluppato in collaborazione con la SSS’AA Scuola  Specializzata Superiore d’Arte Applicata di Lugano.

LATI3Dlab ha condiviso le proprie conoscenze sui materiali per stampa 3D con gli studenti di Design di  Prodotto attraverso alcune presentazioni. La prima, presso la sede di Trevano, a Canobbio, ha introdotto gli  studenti al mondo dei compound termoplastici tecnici, mentre la visita presso la sede LATI di Vedano Olona ha permesso agli studenti di entrare nel vivo della stampa 3D e di visitare i nostri laboratori per  “toccare con mano” la nostra realtà industriale.

Il progetto si distingue per un approccio unico e non convenzionale: sono stati scelti tre materiali tecnici per  stampa 3D sviluppati da LATI3Dlab, illustrandone le peculiarità. Agli studenti è stato chiesto di sviluppare  un nuovo oggetto di design che valorizzasse questi materiali. L’aspetto interessante e allo stesso modo  affascinante, è stato l’approccio e la metodologia che di fatto non prevedeva un bisogno specifico di un  prodotto di design, ma bensì partire dal materiale, quindi da una condizione “finale” e di rappresentazione,  per riprodurre al meglio le caratteristiche dello stesso.

Francesco Manarini, Product Development Manager di LATI, ha commentato: «Il risultato è stato un enorme  arricchimento reciproco. LATI3Dlab ha scoperto nuove applicazioni nel design dei nostri materiali, con  soluzioni ingegnose e inaspettate. Gli studenti, dal canto loro, hanno affrontato in modo non convenzionale  il tema dei materiali e delle loro applicazioni, partendo dai materiali stessi e non dall’oggetto finale. Questo  metodo ha permesso loro di approcciare il problema in modo creativo, trovando soluzioni innovative e  affrontando le sfide reali del design applicato all’industria».

Il progetto “Dalla Materia al Prodotto” rappresenta una nuova frontiera nell’educazione tecnica e artistica,  evidenziando l’importanza della materia prima nella progettazione. La collaborazione con LATI ha creato un  ponte tra il mondo accademico e quello industriale, arricchendo entrambe le parti coinvolte. Siamo  entusiasti dei risultati ottenuti e delle competenze acquisite dagli studenti, e guardiamo con entusiasmo ai  futuri sviluppi di questa partnership.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 21 Giugno 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.