In centinaia per l’ultimo saluto ad Alan

L'abbraccio dei residenti del quartiere, dei ragazzi dell'Antoniana, dei colleghi e degli amici all'uomo deceduto dopo l'incidente stradale ai 5 Ponti di giovedì scorso

parrocchia santi apostoli busto arsizio funerale

La chiesa del quartiere Santi Apostoli ha faticato a contenere la folla di amici e parenti di Alan Martocchia, il 51enne morto una settimana fa in seguito ad un assurdo incidente stradale ai 5 Ponti, investito da un auto in contromano. La cerimonia funebre si è svolta questa mattina, giovedì, alle 9.30, officiata da don Roberto Rigo, oggi parroco a Magenta dopo un periodo nella chiesa dei Santi Apostoli.

«Preferisco averti perso che non averti conosciuto» – ha detto don Roberto nella sua omelia funebre durante la quale ha cercato di trovare quelle parole «di luce e consolazione così difficili da trovare quando la luce si spegne». In prima fila la moglie e i due figli di Alan, la madre e gli altri parenti, dietro di loro un quartiere che lo ha visto crescere e gli ha voluto bene, tanti ragazzi che lo hanno conosciuto sui campi di calcio calcati sin da quando era giovane, gli ex-compagni di squadra del Gerbone di Olgiate Olona, molti anche i colleghi delle agenzie di viaggio.

Alan era conosciuto da tutti e a tutti ha lasciato un buon ricordo di sé grazie alla sua disponibilità nei confronti degli altri.

 

 

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 27 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.