Ricettazione di rame, tre denunciati

Tre italiani di età compresa tra i 33 e i 50 anni sono stati denunciati per ricettazione di rame: sono stati fermati nel corso della mattinata del 3 agosto in via Valdarno

Gli agenti della Polizia di Gallarate li hanno trovati in auto con una matassa di rame lunga 12 metri. Tre italiani di età compresa tra i 33 e i 50 anni sono stati denunciati per ricettazione di rame: sono stati fermati nel corso della mattinata del 3 agosto in via Valdarno. Tutti già noti agli agenti poiché tossicodipendenti, nullafacenti, assidui frequentatori delle zone boschive tra Gorla Minore e Locate Varesino, luoghi di ritrovo di spacciatori. Sotto il tappetino posteriore della macchina sulla quale viaggiavano è stata trovata la matassa di “oro rosso”, che i tre hanno riferito di aver trovato nel bosco: hanno detto agli agenti di voler vendere il rame ad alcune ditte di rottamazione della zona. Secondo le stime della Polizia gallaratese avrebbero rivenduto il materiale a 4 euro al chilo. A carico dei fermati, peraltro con precedenti di polizia per furto e ricettazione, è scattata la denuncia per ricettazione ed il rame è stato sottoposto a sequestro.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Agosto 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.