I manifesti abusivi di Rosati che occupano la città

Affissioni selvagge. La campagna elettorale senza alcuna regola

Manifesti illegali, attaccati dappertutto. Coperti gli spazi commerciali regolarmente acquistati, con una palese violazione delle normative, come non si vedeva da tempo. E’ quanto sta accedendo in questi giorni di campagna elettorale.

I manifesti sono tutti dello stesso candidato, Antonio Rosati, presidente del Varese calcio, e nella lista per Maroni presidente alle elezioni regionali.

La campagna di attacchinaggio sta raggiungendo livelli francamente eccessivi e lo hanno sottolineato diversi quotidiani nei giorni scorsi. Sono stati coperti quelli delle campagne commerciali in piazza Repubblica, ma anche in tanti altri posti della città.

A Casbeno li hanno attaccati sopra la faccia di un altro candidato
, Luca Ferrazzi, che pure è della stessa lista. E via dicendo.

Oggi praticamente in tutta la città è ormai visibile il risultato. Un testimone oculare, il direttore del teatro di Varese Filippo De Sanctis, ha raccontato di aver cacciato due uomini che stavano per attaccare i manifesti anche sulle locandine del teatro. 
 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.