Discarica di amianto alle scuderie dell’ippodromo

Indagato l'imprenditore Guido Borghi. Nella zona sono stati gettati rifiuti pericolosi, e il comune ha inviato una segnalazione alla Procura

Emergenza letame alle scuderie Olona (inserita in galleria)

Smaltimento di rifiuti non autorizzato. In sostanza, una discarica abusiva. E’ il reato che viene contestato a Guido Borghi, l’imprenditore a capo della società varesina incremento corse e cavalli, per il ritrovamento alle scuderie dell’ippodromo di lavandini, pietre e amianto. La procura ha disposto da tempo il sequestro dell’ amianto e del resto, potenzialmente nocivo, su ordine del pm Annalisa Palomba. Le indagini si sono chiuse in questi giorni.

La segnalazione era giunta alla procura dal comune di Varese. Borghi è stato indagato in quanto proprietario e responsabile legale dell’area dove sorgono le Scuderie Olona, già al centro in passato di notevoli polemiche legate alla vita dell’ippodromo.

Proprio in quelle scuderie, ad esempio, viveva Thomas Leppek, lo stalliere condannato a 3 anni di carcere per l’incendio doloso che distrusse gli uffici dell’ippodromo. Le scuderie sono state appena ristrutturate dal comune di Varese. I lavori sono costati 286mila euro e sono stati pagati dall’assicurazione.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 21 luglio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore