Paolo Rindi, forse una scivolata fatale

I soccorritori hanno ritrovato il giovane varesino sul fondo di una gola. L'ipotesi è che sia precipitato dopo aver perso l'equilibrio

paolo rindi

Un piede messo male, un sasso scivoloso, una incespicata per via di un ostacolo non visto: secondo i soccorritori che hanno ritrovato il corpo di Paolo Rindi, potrebbe essere stata una caduta accidentale a causare la morte del ventenne varesino nei boschi della Valgrande.

L’ipotesi arriva dagli uomini del Soccorso Alpino Speleologico Piemontese (SAPS) che proprio questa mattina – mercoledì 2 marzo – avevano ripreso le ricerche di Rindi, in collaborazione con le guardie forestali e provinciali, i finanzieri e i vigili del fuoco.

I soccorritori hanno prima ritrovato lo zaino dell’escursionista varesino (i documenti custoditi all’interno hanno permesso l’identificazione ndr), poi si sono imbattuti nella salma che giaceva sul fondo di una gola scavata dalle acque del Rio Pogallo.

Sul corpo di Rindi – sempre secondo gli uomini del SASP Valdossola – c’erano segni di traumi e contusioni dovuti probabilmente a una scivolata che ha fatto precipitare il giovane in quel punto scosceso.

Paolo stava percorrendo un vecchio sentiero non segnalato, che parte nei pressi dell’abitato di Cicogna – piccola frazione del comune di Cossogno posizionata nel cuore del parco della Valgrande – e che conduce al bivacco Alpe Curgei, posto a quota 1.350 metri.


Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.