“Ecco come svaniscono i sette poli di Uboldo al centro”

La comunicazione della lista Per Uboldo del consigliere comunale Alessandro Colombo sull'operato del secondo mandato del sindaco Guzzetti

uboldo municipio comune

La comunicazione della lista Per Uboldo del consigliere comunale Alessandro Colombo sull’operato del secondo mandato del sindaco Guzzetti:

Fino a due anni fa conoscevamo i sette nani, le sette meraviglie del mondo, i sette samurai e i sette re di Roma. Dal 2014 abbiamo scoperto dal Programma Elettorale di Uboldo al Centro che c’erano anche “I sette poli di uboldo”. Cioè le sette priorità che la lista Uboldo al Centro avrebbe voluto vedere concretizzate – in caso di vittoria – nei 5 anni di amministrazione. Ebbene, a soli due anni di distanza, scopriamo che già 2 dei 7 poli sono svaniti, si sono sciolti come neve al sole.

Il Polo Civico: così veniva descritto nel Programma Elettorale: “POLO CIVICO: il Palazzo Crivelli dovrà divenire il polo civico di tutta la cittadinanza con la realizzazione al suo interno dell’aula consiliare permanente per il funzionamento del Consiglio Comunale. Quest’aula sarà dotata anche di un sistema video per poter registrare i Consigli Comunali e diffonderli in streaming attraverso il sito del Comune con un conseguente adeguamento del regolamento del Consiglio Comunale. Il Polo Civico diventerà anche la sede istituzionale del Gruppo di Protezione Civile e della Pro Loco”.

Bellissima idea, peccato che la sede del Consiglio Comunale è stata realizzata all’interno del Palazzo Comunale e il Palazzo Crivelli rientra nel Piano delle Alienazioni (cioè può essere venduto) con la seguente motivazione: “Non è stato individuato nel Piano dei Servizi ad assolvere ad alcuna funzione di interesse pubblico generale”.

Il Polo Socio-Sanitario: così veniva descritto nel Programma Elettorale:
“POLO SOCIO-SANITARIO realizzazione di “CASA GEMMA” nel terreno già di proprietà del Comune in Via per Origgio.
“Casa Gemma” sarà sia la Casa di Riposo Residenziale sia un Centro Diurno per anziani, un Centro Diurno Disabili, un “Dopo di noi”, il Poliambulatorio per i medici e avrà al suo interno anche la sede di tutte le associazioni di solidarietà sociale uboldesi (SOS, AVIS, Tutto è SuperAbile, Gruppo Anziani, Associazione La Freccia, Quelli che…con Luca)”.

Bellissima idea anche questa, peccato però che anche qui qualcosa non torni. All’interno del Piano delle Alienazioni rientra infatti l’Area edificabile di Via Per Origgio, cioè il terreno (metà per la precisione) nell’ambito di trasformazione residenziale TR7 sul quale avrebbe dovuto sorgere “CASA GEMMA”.

Dunque, crediamo di poter dire che 2 POLI (cioè 2 promesse ai cittadini) sono già svaniti e non siamo nemmeno a metà mandato.

Certo, il Sindaco ci dirà che noi non capiamo, che sono state fatte tante (?) cose che non erano previste nel Programma Elettorale, che “l’unico libro immutabile è la Bibbia” (come ha detto in Consiglio Comunale), che le situazioni sono cambiate in due anni, che per mettere mano al Palazzo Crivelli ci vuole almeno un milione di euro, che la Riforma Sanitaria Lombarda ha cambiato gli scenari, che, che, che….

Tutte cose che si sapevano anche due anni fa. Ma, si sa, il LIBRO DEI SOGNI (altrimenti detto Programma Elettorale) è fatto solo per raccattare voti.

di
Pubblicato il 12 maggio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore