Ravasi, gran secondo posto al Tour de l’Avenir

Il 22enne di Besnate sul podio della corsa a tappe giovanile per nazionali che ha lanciato molti grandi del mondo del pedale

edward ravasi ciclismo tour de l'avenir

Si sta completando nel modo più bello la formazione ciclistica da under di Edward Ravasi, il 22enne di Besnate che nelle ultime stagioni sta mostrando al mondo del pedale le proprie qualità.

Ravasi (foto dal sito del Team Colpack), attualmente in forza al Team Colpack – squadra under 23 – ha concluso al secondo posto il Tour de l’Avenir, la più nota e importante corsa a tappe del panorama giovanile. Una competizione che, fermandosi agli anni scorsi, ha messo in luce corridori del calibro di Nairo Quintana (primo nel 2010), Esteban Chaves (primo nel 2011), Adam Yates (secondo nel 2013) e tanti altri ancora.

Il corridore varesotto, che ha prolungato la permanenza nella massima categoria giovanile posticipando di qualche mese il passaggio tra i “pro” con la Lampre, è stato superato soltanto dal francese David Gaudu che nell’ultima tappa di montagna ha respinto tutti gli attacchi portati alla sua maglia gialla. Ravasi, che sull’ultima salita ha provato a far saltare il banco, ha chiuso con 24″ di distacco da Gaudu in classifica generale mentre terzo è stato lo statunitense Adrien Costa.

«Non ho nulla da rimproverarmi – è stato il commento a caldo di Ravasi riportato dal sito del Team Colpack – ci ho provato e ho dato il massimo ma il francese oggi ha dimostrato di essere più forte di me. Sono molto contento di questo risultato perché ero venuto qui certamente per centrare un piazzamento nella top 5, ma non mi aspettavo di poter lottare fino all’ultimo giorno per la vittoria finale. Mi sono ritrovato in una gran condizione e sono molto contento della mia prestazione».

La stagione 2016 di Edward continua così a impreziosirsi: all’attivo il besnatese ha già le vittorie al Giro della Provincia di Biella, di una tappa al Giro della Bidasoa e di una frazione al Giro della Val d’Aosta.

 

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 29 Agosto 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore