Architetti: auguri e premi aspettando Natale

Si è svolto ieri l’appuntamento natalizio dell’Ordine degli Architetti di Varese. Durante la serata sono stati premiati i giovani e gli iscritti da 40 anni

Ordine architetti Varese

Si è svolto ieri l’appuntamento natalizio dell’Ordine degli Architetti di Varese, che  quest’anno ha rispettato le tradizioni con la consegna del timbro ai nuovi iscritti, la premiazione degli storici professionisti iscritti da 40 anni e ha introdotto una novità gradita a tutti i presenti: una festa nella sede di Via Gradisca a Varese.

A fare gli onori di casa c’era la presidente Laura Gianetti: «La nostra presenza sul territorio e le tante iniziative culturali legate alla città e alla nostra professione hanno contribuito a consolidare la nostra autorevolezza – ha detto la presidente – Questo fa sicuramente piacere e penso che il modo più bello per festeggiare gli obbiettivi raggiunti sia quello di vivere una bella serata, tutti insieme, in quella che di fatto è la nostra “casa”».

Dopo aver consegnato il timbro alle new entry, il presidente Gianetti ha premiato gli otto architetti iscritti all’Ordine da 40 anni: Gian Paolo Bianchi, Savio Binaghi, Luisella Faragona, Enrico Luraghi, Fulvio Rivolta, Angelo Solinas, Giuseppe Speroni, Marino Tettamanti.

L’iscrizione all’Albo d’Onore, il riconoscimento che l’Ordine concede a una personalità o a un’associazione che si sono distinti nel corso dell’anno per la loro attività, è stato assegnato all’Ance nella figura del suo presidente Orlando Saibene.

«Abbiamo ragionato sul concetto di resilienza – si legge nella motivazione dell’Ordine – Abbiamo voluto mettere in luce la capacità di reagire al cambiamento pur mantenendo le proprie specificità. L’Ance, in tal senso, rispecchia questi due principi nel portare avanti un ruolo molto importante a livello di cultura di progetto ma sempre  legato col fare, in un panorama di epocali mutamenti. L’associazione, con la quale abbiamo modo di collaborare in maniera proficua, merita un plauso per l’apertura a tutti i soggetti della filiera del settore e per la volontà di puntare sulla formazione e la cultura comune dei soggetti interessati allo sviluppo della città e del territorio e  delle nuove tecnologie con l’obiettivo di dare vita a una comune base culturale che sia condivisa sia dagli operatori del nostro settore che dalle Pubblica amministrazione».

L’ultimo riconoscimento, come menzione speciale, è stato consegnato all’architetta Ileana Moretti, che con la sua associazione WG Art, è riuscita nel doppio intento di coinvolgere i cittadini più giovani e al contempo rivitalizzare spazi forse dimenticati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore