Dove si potrà parcheggiare gratis a Varese

Nei 4 parcheggi a corona, ma anche in via Trentini vicino alla Provincia. Scompariranno gli stalli bianchi (forse)

Bus Varese parcheggi interscambio

La caccia al posto gratuito, a Varese, è uno sport che praticano tutti: l’automobilista varesino viaggia a 30 all’ora, si guarda intorno, fa arrabbiare quelli dietro, si getta nel primo buco disponibile, rallenta il traffico e inquina. Tuttavia, a volte, la fortuna ti premia, e più giri, più non molli, più parcheggi.

Ecco, questa tattica, che potremmo definire “dello squalo”, con una navigazione a pinna dritta e poi l’attacco finale alla preda, a Varese dovrebbe finire definitivamente.

La filosofia del nuovo piano della sosta, secondo la giunta comunale, è che nel centro storico dovrà finire questa ricerca continua del parcheggio libero.

Come?

Il piano prevede che venga incentivata una fortissima rotazione: dunque, il costo sarà più alto in piazza Monte Grappa e dintorni, nella zona azzurra, e a scalare nelle altre fasce delle vie più centrali. Ma la tariffazione che incentiva la sosta breve, diciamo, non oltre le due ore, dovrebbe rendere più facilmente raggiungibile un posto auto al primo colpo.

«Io pago – dovrebbe pensare l’utente – però almeno non mi fai girare a vuoto per ore alla ricerca del posto». Un classico esempio di questa politica si potrà vedere in via Monterosa, nella zona delle scuole e della Ats. Oggi, gli stalli sono bianchi, ma spesso sono occupati. Diverranno blu e a pagamento, ma un posto sarà sempre disponibile, perché sarà disincentivata la sosta per tutta la mattina. La nuova divisione della città, con diversificazione della tariffa, è stata pensata per rivolgersi a diverse categorie di utilizzatori. E allora vediamo come dovranno comportarsi quelli che vogliono sempre parcheggiare gratis.

Rimarranno gli stalli bianchi con il parcheggio gratuito in centro?

Tendenzialmente no. Ma ancora non si sa. La giunta valuterà, sulla base delle osservazioni dei cittadini. L’idea di fondo però è che non ci saranno più parcheggi gratuiti. Il motivo è il seguente: se si creano dei posti gratuiti in centro, tutti cercheranno di occupare quei posti. Non si riuscirebbe ad eliminare la tattica dello squalo. Ogni automobilista, con la sua pinna dritta, sarebbe ancora a caccia del posto gratis. Produrrebbe traffico, noia e inquinamento per tutti. La decisione però non è stata presa. Dunque, se siete degli automobilisti squalo, fatevi sentite con il Comune e difendete la vostra navigazione preferita.

Se voglio andare poco distante dal centro, e farmi due passi a piedi, dove posso parcheggiare gratis?

Il principale parcheggio gratuito a ridosso del centro esiste già. E’ il silos della Provincia di Varese davanti all’Isis Netwon, dietro Villa Recalcati. Può contenere 165 posti auto. Il piano lo chiama “parcheggio scambiatore”. Oggi costa 2 euro al giorno, ma il Comune di Varese ne sta trattando la gestione con la Provincia. L’idea è quello di farlo diventare un parcheggio gestito da Avt per conto del Comune ma soprattutto dovrà diventare totalmente gratuito. Servirà soprattutto per chi ha bisogno di recarsi in prefettura, Questura, Aler, Ats, scuole. Da questo parcheggio non si potrà usufruire del bus gratuito.

Nasceranno in futuro altri parcheggi poco distanti dal centro e gratuiti?

Sì. Ne sono in programma 3, e sono stati ribattezzati anch’essi “parcheggi scambiatori”. Il primo è previsto in viale Aguggiari-via Bertini, un spazio da 130 posti auto di fianco all’Art Hotel. Il secondo è previsto in via Feltre (viale Belforte) e avrà 60 posti auto, mentre il terzo dovrebbe nascere grazie a un piano edilizio di fronte al vecchio ospedale, in viale Borri, e prevede 400 posti auto. Ma i tempi per quest’opera sono lunghi.

E nei quartieri?
Il piano della sosta non prevede cambiamenti rispetto all’esistente nei quartieri.

Bus Varese parcheggi interscambio

(Il parcheggio Park&Bus dello stadio)

Dove nasceranno e cosa sono i 4 parcheggi Park&Bus?

Si tratta di 4 aree di parcheggio “a corona”, fuori dal centro, situate lungo le principali direttrici di traffico. La sosta sarà gratuita e anche il bus sarà offerto dal Comune, per premiare l’automobilista. Ecco dove: Piazzale Stadio (collegato al centro attraverso la linea E e la Linea P), Iper in viale Belforte (con la linea N), Schiranna (con la linea N), Carrefour di viale Borri (con la linea E).

Il punto debole di questa proposta è la comodità. I bus saranno davvero frequenti? Il piano indica, ad esempio, un’attesa di 15 minuti per la linea P allo stadio, ma in realtà per la maggior parte della mattina l’attesa è di 25 minuti. Inoltre, nei pressi del Piazzale Stadio transita solamente la corsa della linea E sulla direttrice Palasport, che ha meno frequenze. E anche la fermata è un po’ distante. All’Iper la Linea N passa ogni 20 minuti, e così accade anche alla Schiranna, dove peraltro, in inverno, con il buio, può essere poco simpatico per una donna parcheggiare. Mentre l’attesa è buona, di circa 8 minuti, al Carrefour di Bizzozero.

Roberto Rotondo
roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 22 Febbraio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lauralaura

    scusate qualcuno, anche voi di Varese News, può rispondere?

    per chi abita in centro ma non ha posto auto privato..cosa succederà?

    io non mi posso permettere di pagarmi tutti giorni un parcheggio esoso, dovrò recarmi in periferia con una navetta ogni volta che mi devo muovere in auto?
    uff

    1. Roberto Rotondo
      Scritto da Roberto Rotondo

      All’interno dell’articolo trova la risposta.

  2. Scritto da Stra

    sarebbe interessante sapere le previsioni economiche del comune, quanto prevede di incassare da questa operazione l’amministrazione? Perché anche se nessuno ne parla, questo è il vero obiettivo, aumentare le entrate dai parcheggi, del traffico e delle code non frega nulla a nessuno degli amministratori

    1. Scritto da Felice

      @Stra

      ma lei si rende conto dell’assurdità di quello che scrive.
      Si rende conto che quest’anno abbiamo toccato l’inverno più siccitoso da 25 anni a questa parte.
      Si rende conto che non ha piovuto per 60 gg di fila e quando l’ha fatto le precipitazioni sono state esigue.
      Si rende conto che l’Italia si sta desertificando, che non c’è più ricambio d’aria.
      E lei crede che possiamo andare avanti ancora con le stesse abitudini, con le stesse pretese di poter usare l’auto sempre e comunque?
      Non si rende conto che anche a Varese si respirava aria inquinata questo inverno e che già abbiamo ristabilito i valori limite di sostanze inquinanti in soli 15gg dalla ultima pioggia?

      Ma come fa ad ignorare tutto questo pensando che l’unica motivazione che abbia spinto tale giunta a questa SACROSANTA scelta radicale sia legata ad una questione economica?
      Non se se è chiaro…o si cambia anche con scelte radicali ed antipopolari o tutti i soldini che ostinatamente nello spregio di tutto e tutti mettiamo da parte, ignorando qualsiasi partecipazione e priorità collettiva, ecco tutti questi soldini li bruceremo per curarci dai tumori che esploderanno grazie a tutto questo inquinamento.

  3. apetraccone
    Scritto da apetraccone

    Cosa vuol dire, il Comune sta trattando con la Provincia per far diventare “totalmente gratuito” il parcheggio multipiano di Via Trentini con gestione AVT???
    Le luci nei piani interrati sono accese tutte il giorno ma la bolletta della luce chi la paga?
    Gli impianti di sicurezza antincendio e di videosorveglianza sono in funzione H24 per ovvi motivi e vanno mantenuti in efficienza, chi paga la manutenzione?
    Così anche tutto il resto, il verde, la struttura edile, coperture, porte REI ecc. ecc.
    Una struttura del genere ha dei costi e la tariffa di 2€ al giorno serve proprio a ciò!
    Non è come i parcheggi a bordo strade che al più va rifatta la segnaletica a terra!
    È proprio come fare il conto senza l’oste!
    Usare il cervello, per favore.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.