Identificato l’aggressore del sindaco Guzzetti

Si tratterebbe di un 31enne residente in Svizzera che avrebbe agito per motivazioni personali non legate all'attività istituzionale del primo cittadino

Sguardi maggio

La polizia locale di Origgio-Uboldo ha identificato l’autore dell’aggressione al sindaco Lorenzo Guzzetti.

Si tratterebbe di un 31enne residente in Svizzera che avrebbe agito per motivazioni personali non legate all’attività istituzionale del primo cittadino di Uboldo.

E’ successo martedì sera intorno alle 18 quando il primo cittadino stava percorrendo via Padania. Un’auto l’ha tamponato e mandato fuori strada. Ne è sceso un uomo che, prima che Guzzetti potessi riprendersi, l’ha preso a pugni. Quindi senza dire una parola è risalito in macchina e si è dileguato.

Un passante ha dato l’allarme e in pochi minuti è arrivata un’ambulanza del Sos Uboldo che ha prestato le prime cure a Guzzetti che qualche ora dopo è stato dimesso dall’ospedale di Saronno con una prognosi di pochi giorni per escoriazioni al collo e al volto.

Fin dai primi momenti i carabinieri hanno accertato che la vicenda non era legata all’attività politica ed istituzionale del sindaco.

saragiud@gmail.com
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 22 Settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Ultimamente troppi italiani residenti in Svizzera vengono in italia e sbroccano.
    L’esempio di settimana scorsa del riccastro con Ferrari che aggredisce il padre di un bimbo disable a Milano. Ora la notizia del sindaco Guzzetti.
    Molto probabilmente tali personaggi non rischiano di fare le stesse scenate nel territorio elvetico in quanto lì rischierebbero parecchio. Allora vengono in Italia e la usano che loro sfogatoio personale credendo sempre alla impunità.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.