Qualità della vita, il Varesotto perde punti

Nella classifica del Sole24Ore la provincia passa dal 52° al 57° posto. Sei gli indicatori, ricchezza, lavoro, ambiente, demografia, giustizia e cultura

Varese dall'alto

Aumenta la ricchezza, non va male per quanto riguarda demografia, società e giustizia, ma peggioriamo su lavoro, ambiente, cultura e tempo libero.

Nel complesso la provincia di Varese perde punti nella classifica del Sole24Ore che nel 2017 fotografa la qualità delle vita nelle 110 province italiane: passiamo dal 52° al 57° posto nel “ranking” stilato dal principale quotidiano economico del Paese.
Le classifiche vengono realizzate interpolando i dati di sei macro indicatori che riguardano altrettante aree: ricchezza e consumi, lavoro e innovazione, ambiente e servizi, demografia e società, giustizia e sicurezza, cultura e tempo libero. Ecco, nel dettaglio, come siamo messi.

RICCHEZZA E CONSUMI – Siamo al 16° posto nel complesso, e stiamo scalando la classifica. Qui a fare la parte del leone sono l’importo medio delle pensioni, che ammonta a 992 euro (Varese è all’8° posto contro il primato di Milano, 1.116 euro in media al mese), la media dei depositi bancari è poco sopra i 17 mila euro (il top è sempre Milano con 73.493 euro). Il Pil pro capite è di 26.500 euro e la spesa delle famiglie per beni durevoli è di 2.838 (8° posizione, prima è Prato con 3.109). Acquistano on line 43 persone ogni 100 (prima Sondrio con oltre 60 su 100).

Avarie

LAVORO E INNOVAZIONE – 67° posto, ecco perché. Siamo tra le ultime province per imprese registrate 8 ogni 100 abitanti, 102° posizione (sebbene Varese rimanga una delle province lombarde a più alta densità di imprese per chilometro quadrato ndr). Il tasso di occupazione in percentuale tra la popolazione di 15-64 anni è del 65% (prima Bolzano col 72%); c’è un forte gap retributivo di genere (lo stipendio delle donne è inferiore a quello degli uomini del 23% ponendoci all’86° posto) e il tasso di disoccupazione giovanile è del 23,85 nella fascia tra i 15 e i 29 anni.

AMBIENTE E SERVIZI – 60° posizione nel complesso. In dettaglio: l’indice di Legambiente “Ecosistema urbano” pone il Varesotto al 77° posto. A rialzare le sorti di questi standard sono i dati sull’emigrazione ospedaliera, cioè la percentuale di dimissioni in regioni diverse: siamo al 14° posto. La spesa procapite per minori, disabile anziani è di 51 euro (la provincia più virtuosa in questa classifica è Livorno con 123,5 euro) ma abbiamo un’altissima percentuale di consumo di suolo sulla superficie totale, del 22,06% (la prima è Ogliastra con solo il 2,61%).
Per la banda larga, la percentuale di popolazione coperta dai 30Mb è del 23,6% (a BAri il 93,8%).

DEMOGRAFIA E SOCIETA’ – Migliora la posizione in questa classifica, che vede il Varesotto salire alla 38° posizione. Siamo tra le province con la maggior densità di abitanti per chilometro quadrato: 742,0 (105° posto) contro i 30,8 dell’Ogliastra; 7,8 sono i nati per 1000 abitanti, ponendoci in una posizione mediana. Abbiamo 72,9 laureati ogni 1.000 residenti tra i 25 e i 30 anni; diventano cittadini italiani quasi 5 persone ogni 100 stranieri residenti. Il numero medio di anni di studio per la popolazione di 25 anni e oltre è di 10,3 contro gli 11,7 di Roma.

Avarie

GIUSTIZIA E SICUREZZA – Siamo 46° su 110 e le cose stanno migliorando. In provincia di Varese si “litiga” poco: nel 2016 ci sono state solo 541 nuove cause legali ogni 100.000 abitanti. Vi sembra molto? A Reggio Calabria, fanalino di coda della ricerca, le nuove cause sono quasi 2.000. Bene anche per le cause pendenti di oltre 3 anni: sono solo l’11% del totale, a Messina, ultima, ammontano al 50%.
Nel Varesotto avvengono 31,6 rapine ogni 100 mila abitanti (Belluno Isola felice con 6,3, a Napoli sono 212, a Milano 115 rispettivamente ultima e penultima nella classifica).
Sempre ogni 100.000 abitanti: 209 le truffe informatiche, 187 scippi e borseggi, 393 furti in abitazione (nel Verbano Cusio Ossola sono solo 11,3, a Barletta Andria Trani, ultima, 608,3).

Avarie

CULTURA E TEMPO LIBERO – Siamo 75°. Anche qui l’indicatore è sui 100 mila abitanti. Abbiamo poche librerie ogni 100 mila abitanti: solo 3,9, ponendoci al 104° posto, mentre la prima, Massa, ne ha 17,8; pochi anche i posti a sedere nelle sale cinematografiche: solo 1.166. 451 i ristoranti e bar (prima Olbia-Tempio con 1.144, a causa dei grandi flussi turistici). La spesa dei viaggiatori stranieri nella nostra provincia è di 585 euro (media procapite), la prima è Venezia dove i visitatori spendono quasi 3.700 euro. Onlus iscritte all’anagrafe: 26,4% ogni 100mila abitanti (a Roma, prima, sono 80,2, a Ravenna solo 6,6).

LA CLASSIFICA

Andrea Camurani
andrea.camurani@varesenews.it

Un giornale è come un amico, non sempre sei tu a sceglierlo ma una volta che c’è ti sarà fedele. Ogni giorno leali verso le idee di tutti, sostenete il nostro lavoro.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. frenand
    Scritto da frenand

    altro ottimo risultato dopo la pessima classifica sui ritardi degli incassi di quanto dovuto dai cittadini a seguito di infrazioni varie, di un’altra classifica sui ritardi nei tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione locale; stanno affondando Varese!

  2. Scritto da carlo196

    Strano che la Lega non abbia ancora incolpato la nuova amministrazione per la perdita di posizioni rispetto all’anno precedente.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.