Violenza sessuale su tre sedicenni, il 5 luglio il processo

La difesa: “Udienze a porte chiuse”. La vicenda denunciata pubblicamente da una giovane che chiedeva giustizia dopo recenti fatti che hanno visto coinvolte altre ragazze

Avarie

L’avevamo incontrata lo scorso 21 di marzo nello studio dei suoi legali: chiedeva un processo per sè, e per altre due ragazze importunate dallo stesso uomo accusato a vario titolo di violenza sessuale.

Ora il processo si farà e Cristina – 28 anni, 16 al momento delle molestie – potrà essere ascoltata in giudizio dal giudice e spiegare cosa accadde in quegli anni che precedettero il suo allontanamento da casa e la costruzione della sua famiglia con la quale oggi vive.

Una nuova vita, appunto, che però porta ancora oggi i segni di quella passata.

Per questo è stata fissata l’udienza in tribunale per il prossimo 5 luglio: oltre al caso di Cristina l’imputato dovrà rispondere anche del medesimo reato per altre due ragazze: tutte di 16 anni al momento dei fatti contestati.

«Si tratta di un processo che avverrà con rito immediato: verrà cioè saltata l’udienza preliminare e si entrerà direttamente nella fase dibattimentale – spiega l’avvocato Furio Artoni che assieme alla collega Alessandra Sisti difende Cristina e le altre due giovani – . Chiederemo udienze a porte chiuse».

di
Pubblicato il 04 giugno 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore