Per presentare osservazioni sulla nuova ferrovia c’è un mese di tempo (agosto)

Quattro i paesi e città interessati, tutti possono presentare osservazioni. Ma ad agosto i Comuni si fermano: faranno in tempo? Il dubbio dei comitati

ferrovia malpensa gallarate

Ora tocca ai cittadini – ma anche alle associazioni, alle imprese, ai Comuni – far sentire la propria voce e portare le proprie proposte sul progetto della ferrovia Gallarate-Malpensa T2. Si è infatti aperta al 15 luglio la fase delle osservazioni: un momento di partecipazione aperto a tutti, che si sia contrari all’opera (e quindi si voglia contrastarla) o favorevoli (e si voglia quindi cogliere l’occasione per migliorarla).

Se n’è iniziato a parlare già nei giorni scorsi, c’è chi – anche da privato cittadino – è pronto a portare le sue proposte. E forse si esprimeranno anche gli enti locali, i Comuni interessati all’opera, vale a dire Somma Lombardo e Cardano al Campo ma soprattutto Casorate Sempione (dove già si è discusso molto e dove si lavora a un documento unitario) e Gallarate, le due realtà più toccate.

Il termine ultimo è all’8 di settembre, ma ovviamente di mezzo c’è anche la pausa del cuore d’agosto. E per questo i sindaci vengono sollecitati dalle associazioni e dai comitati ambientalisti: «Quali saranno i passi ufficiali che intenderete fare per favorire la partecipazione dei cittadini?», si chiedono Viva Via Gaggio Presidente, Comitato SalviAMO la Brughiera, Legambiente Gallarate, Lipu, Comitato NO terza pista Vanzaghello.

«Partecipazione che Regione Lombardia non vuole assolutamente favorire, facendo svolgere la procedura di Via durante il periodo estivo» dicono critiche le associazioni, che segnalano anche le difficoltà a scaricare la documentazione completa dal portale della Regione. Soprattutto le associazioni chiedono ai sindaci «come intenderete muovervi circa le osservazioni da inviare entro il giorno 8 Settembre a Regione Lombardia». «È vostra intenzione assegnare l’incarico agli uffici tecnici comunali e/o affidarvi al supporto di esperti esterni? Sarete in grado, durante il periodo estivo di far lavorare gli uffici tecnici comunali per redigere le osservazioni e poi espletare i passaggi ufficiali all’interno dei vostri consigli comunali?» Anche a fronte di questo le associazioni chiedono «se non sarebbe utile una richiesta ufficiale da parte vostra a Regione Lombardia di far slittare di un mese il termine per la scadenza della consegna delle osservazioni al giorno 8 ottobre».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 22 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore