La famiglia di Jairo cerca testimoni

I parenti del piccolo investito in via Magenta il giorno di Ferragosto stanno cercando qualcuno che abbia visto come si sono svolti i fatti

Generico 2018

«Sono la zia di Jairo. Per favore, se qualcuno era presente o avesse altre informazioni, mi contatti». Il messaggio è di Maggy Calderon ed è stato postato nella pagina Facebook di Varesenews. 

I familiari del bambino investito la mattina di Ferragosto mentre cercava di riprendere il suo cane fuggito da casa, stanno cercando testimoni. Erano le 7.30 del 15 agosto, giorno in cui in via Magenta a Busto Arsizio, come in molte altre città vuote nel periodo centrale dell’estate, era deserta.

La mamma di Jairo quando si è accorta che il figlio era uscito di corsa, in strada a piedi nudi per inseguire il cane che era fuggito dalla porta della cucina rimasta aperta, ha preso l’auto e lo ha inseguito. Ma quando è arrivata in via Magenta il dramma si era già compiuto. L’automobilista che ha investito il bimbo si è fermato, ha prestato soccorso, sconvolto, ha raccontato cosa è accaduto alla Polizia Locale intervenuta pochi minuti dopo.

Ma anche per poter ricostruire gli attimi che sono costati alla vita a un bimbo che a Sacconago tutti amavano e che lascia un vuoto enorme, la famiglia vorrebbe parlare con qualcuno che ha assistito alla scena. 

Qualcuno dice di aver notato solo il cane che vagava solo attorno al luogo dell’incidente, ma niente di più.

Dopo 48 ore di agonia all’ospedale di Bergamo dove è stato trasportato in elicottero, il piccolo Jairo Veira è deceduto. I familiari hanno acconsentito all’espianto di organi. L’ultimo gesto generoso di un bambino buono. Ora si attende la data dei funerali. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 agosto 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Non è chiaro cosa ci sia da indagare ancora. Mi sembra abbastanza evidente la dinamica del tragico incidente….il ragazzino ha attraversato la strada senza guardare e lo sfortunato automobilista non ha potuto fare nulla.

Segnala Errore