Banfi: “Perchè manca la denuncia del Comune ai writer? La presenterà Salvini”

Il consigliere Banfi interviene sul caso degli autori del raid anarchico e chiede al sindaco di sporgere denuncia

Banfi: \"Perchè a Saronno non si può firmare la petizione antispaccio?\"

«Mi congratulo vivamente con l’amministrazione comunale e in particolare con il sindaco Alessandro Fagioli per il recente successo nell’identificazione dei responsabili degli ultimi atti vandalici che hanno colpito la città. Allo stesso tempo, tuttavia, non posso ritenermi soddisfatto dall’omessa denuncia».

Inizia così la nota del consigliere comunale Francesco Banfi in merito al raid anarchico di sabato scorso che ha visto diverse scritte realizzate alle porte del centro storico seguito dall’annuncio dell’Amministrazione comunale di aver identificato i tre responsabili dei graffito e dall’appello della Lega Nord ai saronnesi a denunciare i danni.

«Se, come si legge nel comunicato apparso su varie testate giornalistiche, i responsabili sono noti, l’amministrazione comunale ha il dovere di procedere con la denuncia.
Dalla nota si apprende invece che il palazzo comunale si sarebbe fatto latore di verità con la compagnia dei carabinieri che stanno procedendo con le indagini… e quindi non c’è alcuna identificazione certa? Ma se così fosse per quale ragione l’amministrazione Fagioli starebbe esultando?».

Banfi passa quindi al tema delle denunce dei cittadini: «Concordo in toto, invece, con l’appello della Lega saronnese: occorre che i privati sporgano denuncia verso ignoti per i danni subiti. Questo deve avvenire in un secondo momento, solo dopo che il comune avrà provveduto a sporgere denuncia e un tribunale si sarà pronunciato, potranno procedere col denunciare persone note».

L’ex assessore va oltre e affronta anche il caso della scritta contro Salvini realizzata in via Volonterio: «Purtroppo in alcune scritte si è minacciata la persona del vicepremier e ministro degli Interni al quale va la mia più viva solidarietà. So per certo che Fagioli si sarà già attivato perchè il segretario federale leghista possa egli stesso sporgere denuncia verso persone note visto che il nostro sindaco sa chi è stato. Come ben dimostrano i sindaci del circondario occorre mantenere alta l’attenzione sui problemi delle città e l’onorevole Salvini sarà certamente disponibile ad aiutare Saronno».

di saragiud@gmail.com
Pubblicato il 21 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore