Crisi supermercati Iperdì, interrogazione al Ministro Di Maio

Due parlamentari della Lega dell'Alto Milanese hanno inviato un'interrogazione per sollecitare il rapido intervento del Ministero dello Sviluppo economico

Crisi Superdì e Iperdì, scaffali vuoti

Resta alta l’attenzione sulla crisi della catena Superdì-Iperdì.

Alcuni parlamentari della Lega dell’Alto Milanese hanno presentato un’interrogazione al ministro e vicepremier Luigi Di Maio, per chiedere iniziative urgenti a tutela di lavoratori e imprese travolti dal tracollo della Nuova Distribuzione spa, proprietaria della catena di supermercati.

L’interrogazione porta la firma di Fabio Boniardi e Fabrizio Cecchetti, Vicepresidente del Gruppo Lega alla Camera dei Deputati.

«Come parlamentari del territorio, siamo molto preoccupati per la gravità della situazione che i lavoratori dei punti vendita del rhodense e del bollatese ci hanno sottoposto. Quelli di Rho e Senago, ma anche quelli di Treviglio, Bregnano, Paderno Dugnano, Lodi, Porto Ceresio, Trezzano, Cesano Maderno, Barlassina, Robbio, Lomazzo e Novi Ligure, dovrebbero essere ceduti a un nuovo player del settore, tuttavia il loro destino in realtà è ancora tutto da definire».

Nell’interrogazione, oltre alla difficile situazione dei lavoratori, si sottolinea la vasta realtà delle aziende commerciali legate alla galassia Gca.

«Chiediamo al Ministero risposte rapide e concrete», concludono i due parlamentari.

Il 31 ottobre è in programma un nuovo incontro al ministero.

di
Pubblicato il 23 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore