Per decidere, si tocca con mano: torna PmiDay, l’orientamento per i ragazzi

Saranno 4000 i ragazzini coinvolti nella nona edizione del PMIDay organizzato per promuovere la cultura d'impresa

Cosa c’è in un’azienda? Come si lavora? Cosa si fa tutto il giorno?

Sono alcune delle domande a cui risponderà la nuova edizione del PMYDay, la nona edizione dell’iniziativa di orientamento che l’Unione degli Industriali della Provincia di Varese organizza per divulgare tra le giovani generazioni la cultura d’impresa.

Saranno 4000 gli studenti di terza media che, tra il 5 e il 23 novembre, visiteranno 140 aziende di tutti i settori del Varesotto.

Sotto la regia del Comitato Piccola Industria di Univa, anche per il 2018, i ragazzi, alle prese con le scelte della scuola superiore, potranno toccare “con mano” prospettive nuove e diverse, superando stereotipi o racconti leggendari a cui sono abituati sin da bambini.

Lo racconta il presidente uscente della Piccola Industria Gianluigi Casati che ha raccontato di un bimbo il cui desiderio era quello di diventare astronauta e guidare una missione spaziale e che, dopo la visita in azienda, aveva virato decisamente verso la conduzione del muletto….

Dopo 9 edizioni, il tour delle aziende da parte dei quattordicenni è ormai rodato e le reazioni raccolte lasciano sempre intendere di essere sulla buona strada: « Queste iniziative sono promosse per diffondere la cultura d’impresa – ha spiegato il neo presidente del Comitato Piccola Industria Giancarlo Saporiti – per promuoverla verso le future generazioni ma anche i loro docenti e genitori».

Nel corso di nove anni sono stati 10.200 i ragazzini coinvolti nell’iniziativa, numeri che indubbiamente pongono Varese tra le principali realtà che investono sui ragazzi e sul loro futuro in Italia.

Diversi settori, tipologie differenti, prospettive inedite: sono tanti i risvolti che i ragazzi potranno cogliere attraverso le domande che porranno ma anche attraverso le spiegazioni che ascolteranno.

Il tessuto imprenditoriale locale, incentrato sul manifatturiero e con dimensioni spesso piccole o medie, offre agli studenti un nuovo immaginario, lontano dal mondo virtuale a cui sono abituati.

Oltre alla visita, gli alunni verranno coinvolti in un concorso nell’ambito dell’economia circolare. Al motto “il tuo rifiuto è la mia materia prima” dovranno realizzare in oggetto partendo da materiali di scarto. La sfida rientra nei due progetti che Univa segue e che sono Life M3P ed ENTeR – Expert Network on Tessile Recycling.
Il lavoro realizzato, che potrà essere di classe o di un singolo allievo, dovrà pervenire alla sede di Univa entro il 31 gennaio 2019 con una foto spedita all’indirizzo pmiday@univa.va.it.

La preparazione delle visite in azienda potrà essere preparata dai docenti grazie alla novità dell’aula digitale, creata appositamente sul sito dell’Unione Industriali dove  si potranno effettuare tour virtuali .

L’occasione, quindi, è importante per i giovanissimi: verranno coinvolti in un viaggio che lo stesso ex presidente Casati ha definito sorprendente per la varietà e la ricchezza che questo territorio esprime e che lui stesso ha scoperto proprio grazie al suo ruolo all’interno di Univa.

Tutte le visite saranno documentate da Univa e raccontate attraverso i social Twitter e Instagram grazie agli hashtag #pmiday2018 e #pmidayvarese.

PMI DAY 2018

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore