Il vino di Torre San Quirico nella guida Oro di Veronelli

Il nebbiolo SommoClivo conferma la sua qualità aggiudicandosi le tre stelle blu riservate ai migliori vini di Italia

Nella tenuta Torre san Quirico

Il nome del SommoClivo, il pregiato vino prodotto sulle colline di Azzate, comparirà nella Guida Oro “I vini di Veronelli 2019″.
L’anteprima di presentazione della libro si è tenuta a Venezia nella sede della Fondazione Giorgio Cini sull’isola di San Giorgio Maggiore, dove per l’occasione sono stati presentati i vini selezionati.

Galleria fotografica

Un vino "da stellati " ad Azzate 4 di 19

Il SommoClivo di Azzate vince il premio Super Tre Stelle dedicato alle eccellenze vinicole italiane. La decisione è stata presa dai curatori Gigi Brozzoni, Marco Magnoli e Alessandra Piubello, che gli hanno attribuito una valutazione di 94 centesimi, facendolo entrare così nella guida di riferimento dei vini italiani.

Il Super Tre Stelle è stato conferito solamente a 338 etichette tra le oltre 16.000 dei vini degustati, permettendo a quelli selezionati di ottenere visibilità tramite incontri ed eventi organizzati appositamente per i vincitori.

Il SommoClivo è un nebbiolo lampìa prodotto da un pregiato Cru a bacca rossa coltivato sulle colline di Azzate, che riesce a tenere testa ai suoi rivali piemontesi. La sua particolarità, oltre alle note speziate che stimolano l’olfatto, riguarda la produzione limitata.

Nella tenuta di Torre San Quirico, dove l’ex-manager milanese Alessio Fornasetti ha avviato l’attività nel 2002, vengono prodotte meno di 5.000 bottiglie ogni anno. Fornasetti vanta di un apprezzato riconoscimento anche all’estero: il suo vino viene acquistato in tutta Europa e, talvolta, nel mercato asiatico.

I tre ettari di terreno dedicati alla vigna, hanno permesso di riqualificare una collina morenica dal grande potenziale e ricca di sali minerali che, grazie alle consulenze della Scuola del vino di Alba e dall’enologo Alberto Morando, ha potuto conferire all’uva il sapore che tuttora la contraddistingue.

Durante la cerimonia è stato consegnato anche il prestigioso premio Sole 2019, un importante riconoscimento istituito dalla Fondazione Permanente Luigi Veronelli, che decreta i migliori dieci vini d’Italia tra quelli recensiti.

Il seminario permanente Luigi Veronelli è un’associazione bergamasca per la promozione della cultura del vino e degli alimenti da parte di professionisti del settore.

L’obiettivo è quello di fornire una visione eno-gastronomica completa, a partire dalla degustazione e dall’analisi sensoriale fino all’approfondimento dei saperi tecnico-scientifici legati alla produzione, tenendo sempre in considerazione il contesto culturale e il rapporto con la comunità.

Con la sua Guida Oro I vini di Veronelli 2019 si sono aggiudicati il titolo di prima guida italiana del settore. L’idea nasce proprio dai cataloghi di Luigi Veronelli, che dal 1961 ha seguito annualmente la produzione vitivinicola del nostro paese.

di
Pubblicato il 23 ottobre 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Un vino "da stellati " ad Azzate 4 di 19

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore