Abusivi nei capannoni della ex tintoria Crespi

Operazione della Polizia di Stato insieme alla Locale per sgomberare 5 stranieri che ci vivevano dentro

ex tintoria crespi

Nell’ambito del controllo straordinario del territorio finalizzato al contrasto dell’immigrazione clandestina, in mattinata, personale del commissariato di Polizia di Legnano, insieme a quello della Polizia Locale, ha effettuato una serie di ricognizioni in aree dismesse della città, spesso usate come rifugio per soggetti in difficoltà e irregolari sul territorio nazionale.

Tra le aree ispezionate c’era l’area ex-Crespi, già al centro delle polemiche per un incendio che si è sviluppato nel 2017, dove sono stati rintracciati 5 soggetti di nazionalità tunisina, tutti irregolari sul territorio nazionale. I cinque sono stati accompagnati alla Questura di Milano e, sulla base della querela presentata dai proprietari dell’area, sono stati indagati per occupazione abusiva.

Tra loro era presente un soggetto destinatario di ordine di carcerazione per aver trasgredito alle prescrizioni a lui imposte dall’autorità giudiziaria per un precedente reato.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.