La chirurgia mininvasiva nell’adenoma prostatico: Varese è un’eccellenza

Si tratta di una patologia diffusa: nel 50% degli uomini sopra i 50 anni e nel 90% sopra gli 80 anni. Il Circolo vanta una casistica di oltre 700 interventi in laparoscopia

mario cherubino chirurgia

Mininvasivo, con meno di giorni di degenza e di cateterizzazione, ridotti rischi di sanguinamento.

È l’intervento alla prostata condotto impiegando il laser. L’Asst dei Sette Laghi, punto di riferimento per la laseristica d’avanguardia in Urologia, organizza una due giorni di formazione ultraspecialistica per urologi di tutt’Italia.

Al via, inoltre, il primo studio multicentrico nazionale sui pazienti operati con laser Tulio, per indagare, valutare e nel futuro ridurre gli effetti irritativi nel post-operatorio. 

La prostata aumenta di dimensioni, comprime l’uretra e ostacola la fuoriuscita dell’urina: è l’iperplasia prostatica benigna, conosciuta anche come adenoma prostatico, patologia tra le più diffuse negli uomini, seconda solo all’ipertensione arteriosa. La sua prevalenza nella popolazione maschile è del 50% per la fascia 51-60 anni, e del 90% per quella 81-90.

Quando diventa sintomatica (in circa la metà dei casi), compromette la qualità di vita del paziente e rappresenta un disturbo da curare. Se la terapia farmacologica non è sufficiente, metodiche d’intervento innovative, basate sull’impiego di laser come Tulio e Olmio, permettono di rimuovere per via endoscopica in modo mininvasivo anche adenomi voluminosi, riducendo la durata del decorso post-operatorio, le perdite di sangue e le giornate di cateterizzazione.

Su questo faranno il punto a Varese, esperti di chirurgia urologica provenienti da tutt’Italia, nell’ambito di un corso ultraspecialistico promosso dall’ASST dei Sette Laghi, con il patrocinio dell’Università dell’Insubria. Con una casistica di oltre 700 interventi condotti impiegando la tecnica ThuLEP (Enucleazione Prostatica mediante Thulium Laser), l’Ospedale di Circolo di Varese è un centro d’eccellenza, attivo nella pubblicazione di numerosi studi scientifici e punto di riferimento per la laseristica d’avanguardia: ogni anno, nell’ambito di diversi eventi formativi, ‘fa scuola’ a centinaia di chirurghi provenienti da tutto il mondo.

«Nell’uomo l’operazione per iperplasia prostatica benigna, dopo quella per cataratta, è la più frequente – spiega il dottor Giovanni Saredi, Responsabile dell’ Urologia dell’Ospedale varesino e responsabile scientifico del corso – L’indicazione all’intervento non è legata tanto alle dimensioni dell’adenoma, quanto all’impatto effettivo che la patologia ha sulla quotidianità del paziente. Uomini in piena età lavorativa, con uno stile di vita attivo, sono potenziali candidati, soprattutto all’intervento con laser che, rispetto alla chirurgia tradizionale, consente di diminuire i giorni di degenza e di cateterizzazione, nonché i rischi di sanguinamento. Oggi a Varese, quando eseguiamo un’enucleazione della prostata, siamo in grado di togliere il catetere al paziente il giorno successivo all’operazione e di dimetterlo il giorno dopo ancora: un totale di 3 giorni contro i 4-6 delle metodiche tradizionali. Anche soggetti in terapia con anticoagulanti o i cardiopatici possono trarre beneficio dall’intervento con laser, date le minori perdite ematiche che comporta».

A Varese arrivano molti pazienti, provenienti anche da altre Regioni, e i casi riguardano spesso adenomi particolarmente voluminosi che in altre strutture verrebbero operati con chirurgia a cielo aperto. Ogni settimana vengono eseguiti dai 3 ai 4 interventi, per un totale di circa 150 in un anno.

«In occasione del corso – prosegue il dottor Saredi – grazie alla partecipazione del dottor Daniele Castellani dell’I.N.R.C.A. di Ancona, presenteremo anche un nuovo protocollo di studio multicentrico per raccogliere dati su pazienti operati con laser Tulio. L’obiettivo sarà indagare, per la prima volta, che cosa accade nel post-intervento e se si verificano sintomi irritativi.  Attraverso l’analisi dei dati raccolti in circa 10 centri, prendendo in esame tra i 600 e i 700 pazienti in un anno, cercheremo di identificare il miglior tipo di intervento, quello in grado di minimizzare la possibilità di effetti irritativi nel periodo post-operatorio. L’Ospedale di Varese, insieme alla struttura di Ancona, sarà capofila dello studio».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 Novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore