Il parcheggio FS torna a pagamento. “Tempi duri per noi pendolari”

L'area di proprietà Metropark FS torna alla sosta a pagamento

gallarate generico

Il parcheggio di proprietà di Metropark, nei dintorni della stazione di Gallarate vicino all’ex tribunale, torna a pagamento. Una brutta notizia per i pendolari che devono lasciare l’auto per l’intera giornata, al mattino, a Gallarate.

I lavori per rimettere in funzione lo spazio a pagamento erano già stati notati settimana scorsa, ma ora la sosta a pagamento diventa operativa.

«Tempi duri per noi pendolari» ci scrive un lettore. «Scelta motivata al fine di mantenere il decoro urbano della zona adibita a parcheggio. Motivazione discutibile, più plausibile “fare cassa” alle spalle degli automobilisti pendolari. Ma non esisteva una norma che prevedeva parcheggi a sosta libera in numero pari a quelli a pagamento?»
Il realtà il parcheggio di via Galvaligi-viale Milano non è area pubblica, ma di una società privata, Metropark, appunto: società del gruppo Fs, che riutilizza gli spazi un tempo dello scalo merci della stazione di Gallarate. Costa 80 cents l’ora di giorno e 40 di notte, 8 euro per sosta giornaliera, abbonamento mensile 50 euro o integrato con abbonamento del treno a 35-40 euro.

Il problema del parcheggio per pendolari alla stazione di Gallarate

Gallarate attrae ogni giorno centinaia di veicoli che vengono parcheggiati ogni giorno, provenienti dalla città ma anche dai dintorni. Un parcheggio a lunga sosta si trova oggi nell’area mercato in via Torino (a circa 10 minuti a piedi), altri parcheggiano nella zona a cavallo tra i quartieri di Sciarè e Cedrate (oltre viale Lombardia, circa 10 minuti).

L’ultimo intervento pubblico di riordino della sosta risale a qualche anno fa, con l’amministrazione Guenzani. A fine 2012 la giunta introdusse – individuando una  “Zona a rilevanza urbanistica” – i posti riservati ai residenti di Sciarè, che lamentavano l’impossibilità di parcheggiare nelle vie del quartiere (oggi di fatto è impossibile lasciare l’auto per tutto il giorno in quella zona). Al contempo fu riaperto il “parcheggio del Fare”, multipiano in via Ferruccio Ferrucci: vi si accede dal 2013 con abbonamento o dal 2014 anche con biglietto giornaliero per utenti occasionali.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 17 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mauriziomalgarini@alice.it

    Effettivamente si tatta di un’area privata di una società collegata alla FS, ma parlare di decoro urbano, quando i binari in prossimità dei marciapiedi per la salita e discesa dei pazseggeri della stazione di Gallarate sono una discarica a cielo aperto fa sorridere. In ogni caso i parcheggi liberi più vicino distano 1,5km fonte google maps.

Segnala Errore